Delusione Miami Heat, Pat Riley: "Ci saranno novità, in tanti ambiti"
136620
post-template-default,single,single-post,postid-136620,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Delusione Miami Heat, Pat Riley: “Ci saranno novità, in tanti ambiti”

scontro Riley-Thibodeau

Delusione Miami Heat, Pat Riley: “Ci saranno novità, in tanti ambiti”

Stagione deludente per i Miami Heat, appena addolcita dall’ultima, grande passerella in carriera per Dwyane Wade ma comunque al di sotto delle aspettative minime per una squadra incompleta ma di grande talento.

Il lungo stop di Goran Dragic, miglior giocatore della squadra, ha influito più di ogni altra cosa, e si è sommato alle prestazioni non sufficienti di giocatori dai contratti onerosi come James Johnson e Dion Waiters (a sua volta reduce da un lungo stop).

E’ toccato dunque al “presidentissimo” Pat Riley tirare le somme di una regular season amara: “Ogni tanto c’è bisogno di un giro di vite. Se ci si accorge che nel sistema c’è qualche falla, o qualche leggerezza, allora è lì che bisogna agire” Così Riley a Ira Winderman del Sun Sentinel “Parliamo di preparazione atletica dei giocatori, ma non solo. E’ tempo di fare un’analisi e vedere cosa non ha funzionato“.

I Miami Heat (39-43) hanno mancato i playoffs per la terza volta in cinque stagioni dalla fine dell’era James-Wade-Bosh e delle quattro Finali NBA consecutive. Un risultato lontano dal potersi considerare disastroso, rispetto al destino che di consuetudine attende le grandi squadre in disfacimento.

Salutato ed omaggiato a dovere il grande Dwyane Wade, per gli Heat si apre oggi una off-season che potrebbe portare novità, partendo dai soli  punti fermi della squadra Erik Spoelstra e Pat Riley.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment