San Antonio Spurs, Brian Wright nuovo gm, "nuovo incarico" per RC Buford
144419
post-template-default,single,single-post,postid-144419,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

San Antonio Spurs, Brian Wright nuovo gm, “nuovo incarico” per RC Buford

san antonio spurs

San Antonio Spurs, Brian Wright nuovo gm, “nuovo incarico” per RC Buford

San Antonio Spurs, sarà Brian Wright il nuovo general manager della squadra.

Promozione in vista per l’ex assistente dello storico R.C. Buford, che come riportato da Jabari Young di The Athletic assumerà un nuovo incarico dirigenziale. Dopo ben 15 stagioni, Buford non sarà più a capo delle operazioni quotidiane nel front office dei San Antonio Spurs, ed è probabile che per il due volte executive dell’anno si profili un ruolo di più alto livello in Spurs Sports & Entertainment, l’organizzazione che – oltre agli Spurs –  gestisce gli Austin Spurs di G-League, i San Antonio Rampage della AHL di Hockey, ed è proprietaria dell’AT&T Center di San Antonio.

Sotto la guida di R.C. Buford, gli Spurs hanno vinto 4 titoli NBA. La “scuola” San Antonio di Buford e coach Gregg Popovich ha formato negli anni una lunga serie di allenatori ed executive tuttora in attività nella NBA (Sam Presti, da anni general manager degli Oklahoma City Thunder, ha un passato a San Antonio).

Il 37 Brian Wright è dal 2016 assistente di Buford, dopo le esperienze con Detroit Pistons e Orlando Magic.

I San Antonio Spurs si trovano oggi in un’epoca di transizione. Coach Popovich ha rinnovato al termine della scorsa stagione il suo contratto, e rimarrà sulla panchina degli Spurs per altri tre anni. Gli assistenti allenatori Ettore Messina e Ime Udoka hanno lasciato la squadra (Messina allenerà l’Olimpia Milano, Udoka è diretto a Philadelphia dove troverà un altro ex Spurs, Brett Brown).

In campo, perso Kawhi Leonard ormai 12 mesi fa, la squadra sarà ancora in mano alla coppia di All Star LaMarcus Aldridge-DeMar DeRozan. L’obiettivo degli Spurs sarà quello di agganciare per la 23esima stagione consecutiva l’ingresso ai playoffs nella competitiva Western Conference, e nel frattempo sviluppare il talento dei giovani Dejounte Murray, Derrick White e Lonnie Walker.

La free agency dei San Antonio Spurs è stata caratterizzata da un piccolo “giallo”. Una degli acquisti estivi, l’ex Celtics Marcus Morris, si era prima accordato con San Antonio per un biennale da 20 milioni di dollari, salvo poi tirarsi indietro per accettare un più remunerativo contratto annuale con i New York Knicks. Un problema per gli Spurs, che per liberare lo spazio salariale necessario alle firme di Morris e del confermato Rudy Gay avevano rinunciato all’ala lettone Davis Bertans, spedito agli Washington Wizards.

La carriera di R.C. Buford ai San Antonio Spurs iniziò in concomitanza con quella di Popovich nel 1994. Nel 1999, anno del rimo titolo, Buford divenne assistente general manager per poi assumere il ruolo principale due anni più tardi.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment