fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsDallas Mavericks Seth Curry spiega la sua scelta di tornare a giocare a Dallas

Seth Curry spiega la sua scelta di tornare a giocare a Dallas

di Federico Ferri

Seth Curry in un podcast con Dennis e Cowlishaw di ESPN Radio Dallas ha rivelato le sue ragioni della scelta di tornare a giocare per i Mavs.

Si presentarono molte offerte quando si aprì la free agency, ed è stata la mia prima volta che ebbi numerose opzioni che mi avrebbero fatto piacere scegliere e quando mi dissero che Dallas aveva mostrato interesse ne fui subito entusiasta perché è un posto familiare dove mi ero trovato bene, e decisi quindi di intraprendere questa strada“.

La guardia ex Blazers continua poi elogiando il lavoro dell’allenatore dei Mavs: “Rick Carlisle è un ottimo allenatore, mette i suoi giocatori nelle migliori condizioni per svolgere al meglio sia fase offensiva che difensiva.

Gli piacciono le guardie che sanno fare più cose, e per questo ne possono giocare più di una contemporaneamente” con questo passaggio, Seth Curry sembra voler dire che non sembra utopico vedere lui e Luka Doncic giocare contemporaneamente.

Il 29enne fratello minore di Stephen esprime la sua voglia di mettersi alla prova con le due stelle di Dallas: “Non vedo l’ora di giocare con giocatori altruisti come Kristaps Porzingis e Luka Doncic, Luka è uno dei migliori passatori della lega e sono contento di avere l’opportunità di misurarmi con lui“.

Seth Curry e la sua rinascita a Portland

Curry ha parlato dell’ultima stagione passata a Portland: “E’ stata una grande stagione, soprattutto perché arrivavo da un’anno in cui ero spesso infortunato.

E’ stato un anno molto divertente, ho affrontato i playoff per la prima volta e ho assimilato molta esperienza. Sono stato contento di aver fatto parte di una squadra così, in cui tutti ci aiutavamo a vicenda e ci divertivamo.”

Nel corso dell’ultimo anno Seth ha giocato ben 74 partite nella stagione regolare, venendo impiegato per 18.9 minuti a partita tirando con il 45.6% dal campo e con il 45% da 3.

Grazie a questi numeri ha avuto la possibilità di partecipare alla gara del tiro da 3 dell’All-Star Weekend di febbraio gareggiando contro il suo compagno di squadra, Damian Lillard, e contro suo fratello, Steph Curry.

In questa stagione è riuscito a dimostrare le sue qualità da tiratore che gli hanno permesso di firmare un contratto quadriennale con Dallas per un valore di 32 milioni complessivi.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi