Trump ha insignito Jerry West della Medaglia presidenziale della libertà
146768
post-template-default,single,single-post,postid-146768,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Trump ha insignito Jerry West della Medaglia presidenziale della libertà

Trump ha insignito Jerry West della Medaglia presidenziale della libertà

Jerry West, ad oggi consulente per i Los Angeles Clippers, e in passato campione NBA da giocatore e dirigente con i Los Angeles Lakers, è stato insignito della Medaglia presidenziale della libertà. A consegnargli quella che rappresenta la più alta onorificenza civile degli Stati Uniti è stato il presidente Donald Trump in persona.

West, fresco membro di una lista ricca di nomi noti e di culto come quello del pugile Muhammad Ali, ha commentato ironicamente:

“Non smetterò mai di essere sorpreso dai posti incredibili in cui può portarti inseguire una palla da basket.”

Il presidente ha sottolineato più come il riconoscimento sia stato del tutto meritato. Trump ha poi ricordato le umili origini e la gloriosa carriera sportiva dell’attuale consulente dei Clippers, senza dimenticarne il costante impegno sociale rivolto a veterani di guerra e case di beneficenza a Los Angeles.

Nel momento della consegna della medaglia invece, Jerry West ha scherzato:

“Vi assicuro, il mio nome sembrerà un errore di stampa su quella lista!”

Una carriera vincente

Non si tratta di certo della prima onorificenza ricevuta da un uomo la cui figura è immortalata nel logo della NBA. L’ex Lakers è infatti, ovviamente, membro della Hall of Fame della pallacanestro dal 1979. Con i gialloviola ha giocato 14 stagioni, venendo selezionato in ogni singola annata come All-star e portando lo squadra alle Finals per nove volte.

La sua carriera da executive lo ha visto portare alla corte dei Lakers giocatori come Magic Johnson, Kobe Bryant e Shaquille O’Neal. In seguito, alla guida dei Memphis Grizzlies, ha instaurato una nuova cultura e creato una squadra competitiva in un ambiente nel quale sembrava impossibile. Passato poi ai Golden State Warriors ha posto le basi per quella che è diventata una dinastia e ha vinto tre degli ultimi cinque titoli NBA. Infine, tornando al presente, in veste di consulente ha aiutato i Clippers a diventare la squadra da titolo che possono vantare di essere dopo l’ultima off-season.

Insomma, un riconoscimento più che meritato.

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment