Warriors, tour del nuovo Chase Center con provocazione (ai Lakers)
146209
post-template-default,single,single-post,postid-146209,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Warriors, tour del nuovo Chase Center con provocazione (ai Lakers)

warriors chase center

Warriors, tour del nuovo Chase Center con provocazione (ai Lakers)

Una personale Walk of Fame, i ritratti degli “Hamptons Five” sulle pareti, una sana provocazione nei confronti dei Los Angeles Lakers… il nuovo Chase Center di San Francisco, la casa dei Golden State Warriors apre le sue porte per un tour d’anteprima che precede il debutto ufficiale dell’impianto.

La stagione 2019\20 sarà la prima del trasferimento della squadra da Oakland a San Francisco, dall’altra parte della Baia unita dal celebre Golden Gate Bridge. Una mossa nota da tempo, che ha dato all’ultima stagione vissuta nella vecchia Oracle Arena un sapore agrodolce, ed alcuni momenti di “rassegnato distacco” di una delle platee più calde della NBA. Buona parte degli abbonati della Oracle Arena ha però confermato la sua fedeltà alla squadra: il 70% dei ticket holders della passata stagione ha confermato l’abbonamento, come riportato da Mark Medina del San Francisco Chronicle.

In occasione del tour, Rick Welts, uno dei co-proprietari dei Golden State Warriors e del Chase Center, ha confermato che l’arena ospiterà una Walk of Fame che omaggerà le grandi figure storiche della franchigia. In uno dei corridoi dell’arena sono stati invece sistemati dei ritratti in carboncino degli cosiddetti “Hampton Five”, ovvero Steph Curry, Kevin Durant, Klay Thompson, Andre Iguodala e Draymond Green, colonne dei Golden State Warriors bi-campioni NBA tra 2017 e 2018.

Warriors, ecco il nuovo Chase Center

Golden State Warriors che, alla vigilia di una stagione di transizione dopo la partenza di Kevin Durant e l’infortunio di Klay Thompson, hanno voluto lanciare una provocazione ai nuovi rivali Los Angeles Lakers: sul tabellone segnapunti del Chase Center (che sarà naturalmente il più grande tra le 30 arene NBA), gli Warriors hanno proiettato una eloquente simulazione di tabellino che reca il punteggio “Warriors 132-Lakers 78“, con tanto di statistiche di squadra.

Il Chase Center è il primo esempio nella pallacanestro USA di impianto esclusivamente di proprietà della squadra: il gruppo proprietario dei Golden State Warriors ha finanziato l’opera con un investimento di oltre un miliardo di dollari per un impianto da circa 18mila posti a sedere, che ospiterà concerti, eventi, congressi e ed una delle squadre più vincenti della storia recente dello sport americano. Per i visitatori, il Chase Center metterà a disposizione un club, una apposita fermata della metropolitana che verrò aperta il prossimo gennaio, 32 lounge esclusivi per i clienti più facoltosi (e già prenotate per almeno i prossimi 10 anni), diverse suite dal costo variabile di 4mila fino a 40mila dollari ad evento, ed una media room avveniristica per le conferenze e gli incontri con la stampa.

Michele Gibin
pt.fadeaway@gmail.com

Contributor per NBAPassion.com

No Comments

Post A Comment