fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsGolden State Warriors Warriors, Thompson ha recuperato. Myers: “Klay è pronto al 100%”

Warriors, Thompson ha recuperato. Myers: “Klay è pronto al 100%”

di Francesco Catalano

In casa Golden State Warriors il recupero di Klay Thompson sembra veramente completo. Ormai sono passati 16 mesi dal suo infortunio occorso in gara 6 delle scorse NBA Finals tra Warriors e Toronto Raptors.

Con la serie ferma sul 3 a 2 per i canadesi, i Dubs avevano provato a portare le finali a gara 7 provando a vincere la sfida all’Oracle Arena. Però, dopo l’infortunio di Kevin Durant in gara 5, i ragazzi della Baia persero anche Klay Thompson in gara 6. Si trattò di una rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro e quello fu molto probabilmente il segnale della resa per i ragazzi di coach Steve Kerr.

Il front office non ha assolutamente voluto accelerare il suo rientro in campo: infatti, gli Warriors non avevano grandi pretese per la stagione successiva. Dopo la perdita di Kevin Durant e Andre Iguodala durante la free agency del 2019, a San Francisco si è deciso di optare per una stagione di transizione. Che si è presto rivelata di vero e proprio tanking visto l’infortunio immediato alla mano sinistra di Steph Curry dopo poche giornate di regular season.

La stagione 2019/20 per i due Splash Brothers è stata quindi di completa riabilitazione e se la sono presa anche più comoda del dovuto visto che i Dubs non avevano già da inizio anno nessun obiettivo di classifica.

In estate, quando le franchigie non ammesse nella bolla di Orlando hanno potuto far ritorno nelle loro facility di allenamento, Thompson ha fatto progressivamente ritorno sul parquet. Sono passati ormai quattro mesi e la riabilitazione di Klay pare ormai più che completata. A confermarlo è stato proprio il general manager della squadra, Bob Myers.

Klay sta alla grande. Per lui il basket conta molto. Non sa quasi cosa fare senza la pallacanestro. Anche suo padre giocava in NBA, quindi è nato proprio per questo sport. Finalmente è potuto tornare in campo: ora l’ultimo tassello del puzzle è tornare a giocare una partita NBA. Dovrà tornare nei ritmi canonici tramite un vero training camp e le partite di pre-season quando ci saranno”.

Tuttavia, ancora ci sono tante perplessità su quella che sarà la stagione 2020/21, ma quello che è certo è che gli Warriors vogliono tornare a lottare per i piani alti della lega. Di sicuro potranno contare nuovamente sul trio storico formato da Steph Curry, Klay Thompson e Draymond Green. In aggiunta a questo, c’è un Andrew Wiggins che si potrebbe inserire bene, una seconda scelta assoluta al Draft e una trade exception da 17 milioni di dollari.

Se Myers riuscirà a giocarsi bene queste carte, i Dubs potrebbero essere ancora più competitivi in vista della prossima annata.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi