fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsGolden State Warriors Steve Kerr: “Non vogliamo sfinire Steph Curry per qualche vittoria in più”

Steve Kerr: “Non vogliamo sfinire Steph Curry per qualche vittoria in più”

di Michele Gibin

L’obiettivo principale in questa stagione per coach Steve Kerr sarà preservare Steph Curry e non esagerare col suo minutaggio, anche se questo volesse dire rinunciare a qualche possibilità di vittoria in più.

Pensano a lungo termine i Golden State Warriors con la gestione della loro superstar, contro i San Antonio Spurs e alla terza trasferta consecutiva coach Kerr ha concesso a Curry e Draymond Green poco meno di 6 minuti nel quarto periodo, di una partita persa per 105-100 anche a causa di un incredibile errore di valutazione di Green.

Dopo la partita Kerr ha spiegato che l’obiettivo è tenere Curry a non più di 34-35 minuti di media a gara. Contro gli Spurs è arrivato a 36, così come due sere prima contro i Dallas Mavericks in cui aveva segnato 57 punti., in stagione la media oggi è invece di 33.8.

Vogliamo che Steph (Curry, ndr) possa restare in campo con noi a lungo negli anni a venire, non siamo così interessati a voler ‘succhiare’ ogni minuto in questa stagione, che è eccezionalmente difficile anche a causa delle restrizioni e del Covid. Non vogliamo far giocare a Curry 40 minuti a partita solo per vincere una partita in più, domani (martedì, ndr) abbiano un’altra partita e vogliamo preservare Steph, vogliamo che poa giocare ad alto livello per tanti anni ancora. Per cui si, saremo molto disciplinati coi suoi minuti, non più di 34-35 a partita“.

Warriors, Steph Curry: “Mi sento bene, non ci scoraggiamo per una sconfitta”

Dal canto suo, Steph Curry dice di sentirsi alla grande.

33 anni a marzo, 5 finali NBA e alcuni infortuni a caviglie e ginocchia in passato, Curry sta giocando a livelli da primo quintetto NBA in una squadra che avrà bisogno di ogni suo canestro per agguantare i playoffs in questa stagione. “Certamente vorrei sempre giocare, tutti i minuti possibili. Capisco però anche che dobbiamo arrivare al punto in cui essere competitivi per 48 minuti“. sulla sconfitta che ha riportato Golden State sul 12-12 di record: “Odio perdere, e la cosa importante è far si di non entrare in un loop perdente, in cui si accetta di perdere delle partite. Non è ciò che siamo, e stiamo counque giocando abbastanza bene da garantirci sempre una possibilità a fine partita, per tante ragioni non sempre è andata bene. Frustrante? non è un segreto“.

Contro gli Spurs Curry ha inoltre dovuto vedersela con Dejounte Murray, una delle miglior guardie difensive della NBA, chiudendo comunque con 32 punti.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi