Ancora Westbrook contro tutti: "Nessuno sa fare quello che faccio io"
137523
post-template-default,single,single-post,postid-137523,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Ancora Westbrook contro tutti: “Nessuno sa fare quello che faccio io”

Chi è Russell Westbrook

Ancora Westbrook contro tutti: “Nessuno sa fare quello che faccio io”

Non si fermano le critiche rivolte a Russell Westbrook in seguito all’eliminazione dei suoi Oklahoma City Thunder al primo turno di Playoff. Ormai sembra che tutto il mondo che ruota intorno alla NBA, da giornalisti ad appassionati, se la stia prendendo con il numero 0. Reo di praticare un gioco troppo accentratore, fatto di protagonismo e ossessione statistica.

Il playmaker di OKC non ha probabilmente dato mostra delle sue migliori prestazioni in questa serie contro i Portland Trail Blazers. Tuttavia a svolgere il ruolo di Pandora è stata gara 5: la sconfitta decisiva, condita da una pessima percentuale al tiro, ha scoperchiato il vaso di critiche che ribolliva già dopo le prime gare della serie.

A rispondere a questa tempesta mediatica che ha investito il giocatore hanno pensato, in primis, i suoi compagni, come riportato da Royce Young.

Per Raymond Felton tutto questo criticismo è “Stupido”

Per Paul George invece chi lo critica in questo modo “Non lo conosce, è la persona più vera e pura che io abbia mai incontrato”

Ora però lo stesso Westbrook ha voluto prendere una posizione forte, rilasciando dichiarazioni decise, riportate sempre da Royce Young, per ESPN.

Il giocatore di OKC ha trattato diversi temi, dall’impatto della serie appena conclusasi sulla sua reputazione, fino al giudizio delle persone sul suo gioco. Il numero 0 ha comunque respinto al mittente tutte le critiche, in pieno stile “Russ”.

“Se volete giudicare la mia carriera e chi io sia basandovi su tre partite, fate pure. Questo non cambierà chi sono, il fatto che domani mi sveglierò sapendo perfettamente chi sono. Parlate pure di me, di chi sono, di cosa sono. Io ho tre figli bellissimi, sono molto felice. So chi sono, sto bene sapendo chi sono, mi piace chi sono. Il fatto che voi parliate di.. dai non so nemmeno di cosa parliate, ma qualsiasi cosa sia, continuate. Io continuerò a vivere la mia vita.”

“Non mi interessa davvero cosa dice la gente riguardo me, perché non conta davvero. Io so cosa sono capace di fare, e di farlo ogni notte a un livello molto alto, e nessuno sa fare quello che so fare io, tutte le notti.”

“Prima si diceva che non la passassi mai, poi sono stato il primo nella lega per assist negli ultimi tre anni o quello che è. Questo dunque sta passando di moda, e vi state accanendo sul tiro. L’anno prossimo lo migliorerò, ma troverete qualcos’altro a cui attaccarvi, magari direte: Oh no il suo piede sinistro è più grande di quello destro! Chi lo sa..”

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment