Zach Lavine e lo Slam Dunk Contest: “Parteciperò nel 2020? Sono indeciso, ma presto sceglierò”

Zach Lavine e lo Slam Dunk Contest, un binomio che negli ultimi anni è diventato naturale assimilare. Il giocatore dei Chicago Bulls, infatti, è stato il vincitore della competizione per ben due edizioni, ossia nel 2015 e nel 2016, saltando però le successive. Tuttavia, stando ad alcuni rumors, Lavine potrebbe tornare nel prossimo All Star Game, per ottenere uno storico terzo successo in carriera.

Zach Lavine e il Slam Dunk Contest: i dettagli

Zach LaVine, classe 1995, in NBA dalla stagione 2014-2015.

Nello specifico, l’ex giocatore di UCLA avrebbe ammesso di avere diverse nuove schiacciate nel suo arsenale, ma di non essere ancora sicuro se sarà in grado di mostrarle in uno scenario così competitivo e prestigioso quale l’All Star Game.

Ci sto pensando. Anche la mia ragazza me lo ha chiesto, ed io le ho risposto di non sapere se tornerò o meno. Durante le partite mi viene spontaneo provare stupire il pubblico con colpi differenti, mentre diverso è preparare un evento del genere.

Lavine, nella sua prima vittoria allo Slam Dunk Contest nel 2015, aveva impressionato il pubblico con giocate davvero eccellenti, da autentico professionista del settore. Il suo duello con Aaron Gordon, poi, è stato sicuramente uno dei momenti più indimenticabili che l’All Star Game possa annoverare nell’ultimo decennio.

La rottura del legamento crociato nel 2017 ha impedito che il giocatore dei Bulls potesse nuovamente partecipare alla competizione, per evitare possibili tragiche ricadute. Ora però, Lavine potrebbe essere pronto a riprendersi la corona di miglior schiacciatore della lega, eguagliando così il record di maggiori vittorie che attualmente è detenuto da Nate Robinson.

Durante la preseason mi sono allenato per fare nuove schiacciate, anche con l’aiuto di Lauri Markannen. Ho fallito diverse volte, ma c’è sempre un secondo tentativo per tutto.

La speranza di tutti, dunque, di rivedere presto all’attesissimo Slam Dunk Contest uno dei talenti più esplosivi che abbia mai concorso, è quanto mai viva. Nelle prossime settimane, in particolare, si saprà se Lavine si sarà fatto sopraffare dalla voglia di ottenere nuovamente quello scettro che tanti grandi campioni NBA del passato hanno già detenuto ( quali Michael Jordan, Kobe Bryant, Vince Carter).

Tommaso Ranieri

Studente di Giurisprudenza, amante del basket, in modo particolare del campionato NBA, e dello sport in generale.

Condividi
Pubblicato da
Tommaso Ranieri

Post recenti

Final Eight 2020: MVP, miglior quintetto e delusioni

Le Final Eight 2020 sono state senza dubbio un successo. In molti si sono presentati…

53 minuti fa

Luka Doncic giocherà il torneo preolimpico con la Slovenia

La Slovenia tenterà di qualificarsi in estate per Tokyo 2020, e lo farà con Luka…

5 ore fa

Cavaliers, Coach John Beilein sarebbe già pronto a lasciare la panchina

I Cleveland Cavaliers lo avevano prelevato in estate dall'università del Michigan, legandosi a lui con…

5 ore fa

Kawhi Leonard è l’MVP dell’All-Star Game NBA 2020, il nuovo format convince nel segno di Kobe

L'NBA All-Star Game 2020 inizia con il discorso di Magic Johnson, che sul palco per…

6 ore fa

Adam Silver: “La NBA tornerà in Cina ma ci vorrà tempo”

Il Commissioner Adam Silver si dice fiducioso che i rapporti della NBA con la Cina,…

15 ore fa

Final Eight 2020 recap: Happy Casa Brindisi-Reyer Venezia

Per la prima volta nella storia delle Final Eight si sfidano in finale la testa di…

18 ore fa

Questo sito utilizza i cookies

Leggi