Three Points – L’anno dei Toronto Raptors

L’edizione 2019 delle NBA Finals non verrà dimenticata facilmente, il primo, storico trionfo dei Toronto Raptors è arrivato al termine di una serie epica, drammatica (sempre in termini sportivi) e imprevedibile. Una risposta inequivocabile a chi dava per scontato l’esito di questo 2018/19, senza considerare che la storia si fa sul campo, non sulla carta. La conclusione dell’affare Anthony Davis – Los Angeles Lakers e l’imminente draft ci proiettano già verso la NBA del futuro, ma questa edizione di ‘Three Points’ è interamente dedicata all’ultimo atto della stagione. Ci occuperemo di vincitori e vinti, con un focus sullo straordinario MVP delle Finals. Che dite, cominciamo?

1 – L’anno dei Toronto Raptors

I Toronto Raptors sono campioni NBA 2018/19

I Toronto Raptors hanno scritto una pagina indelebile nella storia non solo della NBA, ma di un’intera nazione. Tutto il Canada si è stretto attorno all’eroica truppa di coach Nick Nurse, riempiendo le piazze per assistere dai maxischermi a un’impresa che nessuno avrebbe creduto possibile, fino a pochi mesi fa. Toronto è la squadra del destino, quella che è riuscita a sfruttare al meglio il particolarissimo momento storico che sta vivendo la lega. Con la Eastern Conference libera dalla ‘tirannia’ di LeBron James e l’atmosfera da ‘ultima corsa’ che si respirava nella Baia, si erano create le perfette condizioni affinché qualcuno si inserisse a sorpresa nella sceneggiatura. Ormai era chiaro da tempo: il 2019 era l’anno dei Raptors.

Quello dei canadesi è stato un percorso folle, irripetibile e persino sconsigliabile, per certi versi. Licenziare il Coach Of The Year in carica (Dwane Casey) per sostituirlo con un assistente (Nick Nurse) e cedere il miglior realizzatore nella storia della franchigia (DeMar DeRozan) per affidarsi a un giocatore in scadenza di contratto e reduce da un lungo infortunio (Kawhi Leonard) è stata una scelta quantomeno azzardata, una vera e propria scommessa. Qualora l’incredibile game winner del secondo turno playoff fosse partito dalle mani di Jimmy Butler, invece che da quelle di Leonard, con ogni probabilità staremmo parlando di un colossale fallimento. Invece, tutto ha funzionato alla perfezione; una regular season di altissimo livello, una prova di forza (nonostante il passo falso iniziale) contro Orlando e una prova di resistenza contro Philadelphia. Quando la corsa sembrava destinata a interrompersi, dopo gara-2 delle finali di Conference, i Raptors hanno mostrato altre due caratteristiche che contraddistinguono una squadra da titolo: l’orgoglio e la cattiveria. Doti che sono mancate a Milwaukee, che ha dovuto arrendersi in sei partite. La prima apparizione di Toronto alle Finals sembrava il massimo obiettivo raggiungibile, l’ideale coronamento di 25 anni spesso avari di soddisfazioni. E invece…

Invece, i Raptors si sono fatti trovare pronti. Salire per la prima volta sul palcoscenico più importante, al cospetto della migliore squadra di sempre, può generare una pressione insostenibile, non certo alleviata dalle precarie condizioni fisiche degli avversari, ma Toronto ha superato a pieni voti la prova. Ha messo in chiaro le cose fin da gara-1, vinta grazie a un superbo Pascal Siakam da 32 punti, a una gran difesa e alla perfetta organizzazione tattica di Nurse: i Raptors giocavano per vincere, non per fare le ‘vittime sacrificali’. Il primo scivolone è arrivato in gara-2, persa soprattutto per il blackout di inizio terzo quarto. Il trasferimento della serie a Oakland sembrava il preludio all’ennesima passerella Warriors. Invece, in California, Toronto ha messo le mani sul titolo. In gara-3 è stata cinica, sfruttando le assenze e gli affanni di Golden State, mentre in gara-4 ha dominato, trascinata da un Leonard da fantascienza. Guai però ad attribuire il merito al solo numero 2; se nei primi turni di questi playoff si è assistito spesso a un one-man-show, lo storico titolo 2019 è stato una vittoria di squadra. La vittoria di Kyle Lowry, che si è scrollato di dosso l’infame (e ingiusta) etichetta di ‘eterno perdente’ con delle Finals da leader assoluto. La vittoria di Serge Ibaka, Marc Gasol e Danny Green, giocatori che sembravano al capolinea, e che ora alzano al cielo il Larry O’Brien Trophy. La vittoria di Pascal Siakam, la più impronosticabile delle star, e di Fred VanVleet, ‘eroe per caso’ in una lega in cui non si pensava avrebbe messo piede. E la vittoria di Masai Ujiri, perchè a volte la fortuna aiuta davvero gli audaci. Le NBA Finals 2019 verranno certamente ricordate per le terribili sventure occorse ai campioni in carica, ma niente e nessuno potrà togliere ai Toronto Raptors i meriti per un trionfo leggendario.

2 – King Of The North: la star dei Toronto Raptors

Kawhi Leonard, campione NBA e Finals MVP per la seconda volta

L’incredibile impresa dei Raptors ha consacrato Kawhi Leonard tra i più grandi giocatori di sempre. Che fosse speciale lo si era capito ormai da tempo: vincere un titolo da Finals MVP al terzo anno da professionista (dopo aver quasi consegnato l’anello agli Spurs nella stagione precedente) non è da tutti. Per ‘The Claw’, il trionfo del 2014 è stato solo l’inizio. Da quel momento sono arrivate due convocazioni all’All-Star Game, due inclusioni nel primo quintetto All-NBA e due premi di Defensive Player Of The Year. I San Antonio Spurs erano certi di aver trovato in lui il degno erede di Tim Duncan, il leader tecnico ed emotivo (detto di uno che, come il grande caraibico, non ha mai mostrato una singola emozione) che avrebbe trascinato i texani nell’era post-‘Big Three’. Poi, d’improvviso, qualcosa si è rotto. Le controversie sul tardivo rientro dall’infortunio patito alle Conference Finals 2017, su cui tuttora aleggia il mistero, hanno compromesso insanabilmente i rapporti tra il giocatore e lo staff nero-argento. Prima i playoff saltati, poi la richiesta di cessione, quindi lo scambio con i Raptors, epilogo di una vicenda che, agli occhi di molti, ha scalfito la reputazione ‘immacolata’ del giocatore. Il suo approdo in Canada sembrava solo una tappa intermedia, un ‘esilio forzato’ in vista dell’imminente free-agency. Invece, a Toronto, Leonard ha scritto la storia, diventando ‘The King Of The North’.

Accolto come un eroe dai tifosi e come un leader dai compagni e ‘coccolato’ dalla dirigenza, che ne ha protetto la condizione fisica con un’accurata gestione del minutaggio e delle apparizioni in regular season, Kawhi ha ripagato tutti, portando il Larry O’Brien Trophy oltreconfine. Lo ha fatto grazie a dei playoff straordinari, da vero dominatore; 30.5 punti e 9.1 rimbalzi di media, ma soprattutto quella freddezza indispensabile ai Raptors per scacciare i vecchi fantasmi e affrontare a viso aperto avversari sulla carta superiori.
Se contro Magic e Sixers il suo apporto è stato quasi ‘esagerato’, per la volata finale Leonard ha saputo cercare e trovare l’aiuto di quei ‘gregari’ indispensabili per lanciare verso il traguardo i grandi campioni. Il ‘Re del Nord’ ha disputato una serie finale degna dei più grandi, aspettando di colpire al momento giusto e prendendo la squadra sulle spalle anche nelle serate storte. Il secondo titolo NBA, vinto sempre da Finals MVP (solo Kareem Abdul-Jabbar e LeBron James erano riusciti in questo particolare bis), è la perfetta chiusura del cerchio per la prima parte della sua carriera. A 27 anni e con una bacheca stracolma di trofei, può guardare con assoluta serenità ai prossimi capitoli, che siano scritti in Canada, oppure altrove. Buona parte del futuro della NBA dipenderà dalla sua decisione: lasciare Toronto da vincitore o continuare a regnare sul devoto Nord? Qualunque sia la sua destinazione, di una cosa bisognerà essere certi: l’unica cosa che conterà, per Kawhi Leonard, sarà vincere.

3 – Warriors, uno splendido (e terribile) tramonto

Kevin Durant e Klay Thompson, infortunati gravemente durante le Finals

Forse, la più grande dinastia dell’era moderna è davvero giunta al suo epilogo. La saga dei Golden State Warriors rischia di chiudersi nella maniera più spettacolare e drammatica, al termine di una gara-6 che potrebbe non aver concluso solamente una stagione. La squadra californiana esce per l’ultima volta dalla Oracle Arena a testa altissima, dopo aver dimostrato al mondo cosa significhi essere dei campioni. Per strappar loro lo scettro, i Toronto Raptors hanno dovuto aspettare che cadessero uno dopo l’altro, lottando fino all’ultimo possesso. Eppure, alla vigilia di gara-3 la serie sembrava finita. La notizia del forfait di Klay Thompson, che aveva raggiunto Kevin Durant e Kevon Looney in infermeria, lasciava ben poche speranze alla truppa di Steve Kerr e la netta vittoria degli ‘spietati’ Raptors aveva solo messo nero su bianco un 2-1 scritto con largo anticipo. Gara-4, dominata dai canadesi nonostante i rientri di Thompson e Looney, ha messo gli Warriors con le spalle al muro. E’ in quel momento che il cuore dei campioni, quello di cui parlava anni fa Rudy Tomjanovich, ha fatto la differenza.

E’ vero, i gravissimi infortuni di Durant (tendine d’Achille) e Thompson (legamento crociato) rischiano di compromettere sia il futuro dei giocatori, sia quello della squadra. Ma per questi Golden State Warriors, forse, non ci sarebbe stato comunque un futuro. L’imminente free-agency delle due star rappresentava fin da inizio stagione l’ideale scadenza di un progetto meraviglioso e irripetibile (viste le dinamiche), ma le infinite turbolenze di questi mesi e la spossatezza con cui gli Warriors sono arrivati alle Finals indicavano chiaramente che quello del 2019 sarebbe stato in ogni caso l’ultimo ballo. Durant e Thompson sono rientrati in campo non per follia o per fantomatiche ‘pressioni della dirigenza’, ma per mantenere in vita la dinastia. Anche sotto 3-1, la matematica diceva che vincere era ancora possibile, e per vincere ci volevano i fenomeni, quelli veri. Alla fine è andata male, malissimo, ma perdere in quel modo non fa altro che cementare il posto di questa squadra fra le più grandi di ogni epoca.

Gli ultimi playoff hanno spiegato al meglio cosa siano riusciti a creare nella Bay Area: un’organizzazione in cui ognuno conosce alla perfezione il proprio ruolo, e in cui tre MVP non pensano due volte a sacrificare statistiche, possessi, responsabilità e persino incolumità fisica per il fine ultimo, ovvero la vittoria. Ecco allora Stephen Curry guardare la maggior parte dei suoi tiri respinti dal ferro, lasciare che KD risolvesse le partite nei primi turni e prendere poi il palcoscenico, arrivando a disputare le migliori Finals della sua carriera. O ancora, il super-veterano Andre Iguodala decisivo come ai tempi belli, Draymond Green in versione ‘Showtime’ contro Portland, Quinn Cook, Jonas Jerebko, Alfonzo McKinnie e Jordan Bell dare un contributo significativo in una finale NBA e persino DeMarcus Cousins riuscire a ritagliarsi qualche minuto di gloria malgrado le condizioni fisiche e psicologiche non certo favorevoli.

Gli atti conclusivi di una delle serie finali più intense degli ultimi anni rappresentano il degno epilogo di un capolavoro iniziato dieci anni fa, quando Steph arrivò sulla Baia: da una parte l’impressionante avvio di gara-5, con la sfuriata offensiva del trio Curry-Thompson-Durant, la dimostrazione di onnipotenza con cui gli ‘Splash Brothers’ hanno ribaltato il +6 firmato Kawhi Leonard negli ultimi minuti e l’ovazione per Klay Thompson, rientrato in campo con il crociato rotto per segnare gli ultimi tiri liberi della sua stagione, dall’altra le scioccanti immagini degli infortuni che ci priveranno a lungo di due tra i migliori cestisti viventi. Dopo lo schianto che ha messo K.O. Thompson, Steph Curry si è seduto sul parquet, sconsolato. Ci vorrà del tempo, ma si rialzerà. E con lui questa leggendaria franchigia, che ha portato la pallacanestro ad un livello mai raggiunto in precedenza.

Stefano Belli

Creatore di Angry At The Rim e redattore per NBA Passion e American SuperBasket. Infanzia con Jordan & Malone, adolescenza con Kobe & Jason Kidd e 'maturità' con LeBron & Durant, può vantare lo stesso numero di canestri rotti di Shaq: 2, nella vecchia cameretta.

Condividi
Pubblicato da
Stefano Belli

Post recenti

Final Eight 2020: MVP, miglior quintetto e delusioni

Le Final Eight 2020 sono state senza dubbio un successo. In molti si sono presentati…

53 minuti fa

Luka Doncic giocherà il torneo preolimpico con la Slovenia

La Slovenia tenterà di qualificarsi in estate per Tokyo 2020, e lo farà con Luka…

5 ore fa

Cavaliers, Coach John Beilein sarebbe già pronto a lasciare la panchina

I Cleveland Cavaliers lo avevano prelevato in estate dall'università del Michigan, legandosi a lui con…

5 ore fa

Kawhi Leonard è l’MVP dell’All-Star Game NBA 2020, il nuovo format convince nel segno di Kobe

L'NBA All-Star Game 2020 inizia con il discorso di Magic Johnson, che sul palco per…

6 ore fa

Adam Silver: “La NBA tornerà in Cina ma ci vorrà tempo”

Il Commissioner Adam Silver si dice fiducioso che i rapporti della NBA con la Cina,…

15 ore fa

Final Eight 2020 recap: Happy Casa Brindisi-Reyer Venezia

Per la prima volta nella storia delle Final Eight si sfidano in finale la testa di…

18 ore fa

Questo sito utilizza i cookies

Leggi