Home Italbasket Federico Mussini in ESCLUSIVA per NbaPassion: “Mi ispiro a Stephen Curry, aiuterò la mia squadra ad arrivare al torneo NCAA!”

Federico Mussini in ESCLUSIVA per NbaPassion: “Mi ispiro a Stephen Curry, aiuterò la mia squadra ad arrivare al torneo NCAA!”

di Luca Mazzella
In esclusiva per NbaPassion, sono riuscito a raggiungere Federico Mussini, talento classe ’96 scuola Pallacanestro Reggiana e ora alla prestigiosa St.John’s University, uno dei College più importanti di tutti gli Stati Uniti, dove giocherà con i Red Storm nella Big East. Pur avendo da poco compiuto solo 19 anni, Federico vanta già una Eurochallenge con la maglia della Pallacanestro Reggiana, un quarto posto agli Europei Under 16 del 2012, competizione in cui fu inserito anche nel miglior quintetto, e un sesto posto con l’Under 18 nel 2014. Anche in quell’occasione, è stato inserito nell’All Tournament Team!
Tanta disponibilità da parte di Federico, che mi ha concesso una bella intervista in esclusiva per NBAPASSION!
Luca: “Ciao Federico, una prima domanda sul passato: Reggio Emilia. Quanto è stato formativo crescere in un ambiente così attento ai giovani e che ti ha saputo valorizzare e lanciare nel grande basket nonostante la tenerissima età?”

Federico: “Crescere a Reggio Emilia è stato importantissimo per me, mi sono sempre trovato bene e sono cresciuto tantissimo sia come persona che come giocatore.”

Il 10/03/15, arriva la chiamata per il Nike Hoop Summit. Come hai reagito? Ricordi ancora quel momento, te lo aspettavi?

“Diciamo che ci speravo,conoscevo quell’evento e parteciparvi era sicuramente un obbiettivo, infatti quando ho avuto la notizia non potevo essere più felice e orgoglioso.”

Parliamo del presente e del futuro: St.Johns. Come ti stai trovando? Passare da Reggio Emilia a New York è un bel passo…

“Mi sto trovando davvero bene! Sia sul campo che all’esterno, è davvero una bellissima esperienza finora…”

Ti allenerà Chris Mullin, uno che ha giocato nella squadra più forte di tutti i tempi, il Dream Team del 1992, ed è stato inserito anche nella Hall Of Fame (2011). Quanto ha influito questa cosa nel farti scegliere St.John’s e non Gonzaga, l’altro College che ti cercava?

“Ha influito molto sicuramente, avere l’occasione di essere allenato da uno dei migliori giocatori di sempre è molto raro ed è stato decisivo per prendere questa scelta. Penso che migliorerò molto con lui.”

I tuoi obiettivi personali quest’anno? E se ti chiedessi dove ti vedi da qui a 5 anni cosa mi diresti? Ovviamente stando a NY il sogno di ogni cestista italiano e non è proprio a due passi…

“Quest’anno voglio aiutare la mia squadra ad arrivare al torneo NCAA, inoltre migliorare individualmente dal punto di vista fisico e tecnico. Tra 5 anni non saprei, ma chiaramente il sogno di ogni giocatore di basket è l’NBA! Lavorerò il più possibile, questo è certo, poi dove arriverò si vedrá più avanti.”

Parliamo un po’ di Europei: anche in questo caso dai social mostri spesso di seguire alla grande i ragazzi. Qualche giorno fa hai scritto: “Secondo me la parola fenomeno è stata inventata per descrivere Gallinari”. Conosci anche di persona Danilo? Un giudizio sul suo europeo finora?

“Non conosco di persona Danilo ma penso seriamente che sia un giocatore che potrebbe benissimo essere chiamato all’All-Star Game. E’ un giocatore che sa fare veramente tutto, con un talento smisurato.”

Alla luce di quanto visto in questa prima fase, dove credi possa arrivare questa Nazionale? Dopo la vittoria con l’Islanda sembra che tanti problemi siano improvvisamente stati risolti, ora viaggiamo sulle ali dell’entusiasmo…

“Abbiamo davvero una grandissima squadra quest’anno. Io non voglio fare pronostici però è una squadra che come ha già dimostrato può vincere con tutti quindi speriamo bene!”

Un giocatore al quale ti ispiri? Magari il tuo modello NBA e, per restare in tema Europei, anche uno della Nazionale…

Io mi ispiro a Stephen Curry, in assoluto il mio giocatore preferito!
Se dovessi dire uno della Nazionale davvero non saprei, non mi ispiro a nessuno di loro ma li stimo tutti e sono grandissimi giocatori, partendo dal Gallo e arrivando fino al mio “splash brother” Ame (Della Valle)

Grazie mille Federico, è stato un piacere! In bocca al lupo per tutto!

Grazie e crepi!

 

You may also like

Lascia un commento