Home Lega Basket ABasket mercato A Pesaro: per un Hamilton che arriva, un Bamforth che parte?

Pesaro: per un Hamilton che arriva, un Bamforth che parte?

di Federico Circhirillo
Carpegna Prosciutto Pesaro, in arrivo Johnny Hamilton

La stagione nelle Lega Basket Serie A della Carpegna Prosciutto Pesaro non è una delle migliori vissute dai marchigiani. La squadra allenata da coach Meo Sacchetti occupa l’ultima posizione in classifica condividendola con l’Happy Casa Brindisi. Quando mancano cinque partite alla stagione regolare, il bottino recita sette sole vittorie a fronte di ben diciotto sconfitte ed il distacco dall’ultimo posto utile per la salvezza è di due successi. Nelle ultime quattro giornate Cinciarini e compagni hanno ottenuto i due punti in un’unica occasione contro la Virtus Bologna con il punteggio di 87 a 86. A complicare le cose per la squadra marchigiana è l’infortunio al gomito destro di uno dei protagonisti della stagione, il centro italiano Leonardo Totè che ne avrà per quattro settimane. Per questo la società sta intervenendo sul mercato per cercare di coprire il buco lasciato da lui. 

Pesaro, in arrivo Johnny Hamilton

Proprio per questo motivo, il nome che circola con più insistenza nelle zone di Pesaro è quello di Johnny Hamilton, centro americano classe 1994. Secondo il Carlino e il Corriere Adriatico, la società marchigiana avrebbe chiuso l’accordo per l’americano. In questa stagione il giocatore ha militato nelle fila dei turchi del Bursaspor con cui ha giocato in Basketball Champions League ottenendo medie di 10.6 punti e circa 6 rimbalzi di media. Mentre nel campionato turco la media punti è stata praticamente uguale, 10.8, mentre ha tirato giù quasi 7 rimbalzi a partita. Ha giocato anche l’Eurolega nella stagione 2020-21 con la maglia del Fenerbahce

Bamforth in partenza?

Il già citato Hamilton dovrebbe quindi arrivare alla corte di coach Meo Sacchetti; mentre a lasciare la Carpegna Prosciutto Pesaro potrebbe essere la guardia Scott Bamforth. Secondo quanto riportato dal Corriere Adriatico, il classe 1989 dovrebbe lasciare anticipatamente l’Italia a causa di gravi problemi familiari. Dovrebbe anche aver ricevuto il via libera dal club per partire alla volta degli Stati Uniti. Chiuderebbe la sua esperienza con 22 partite disputate con 13.7 punti di media a cui aggiunge 3 rimbalzi e 3.7 assist in circa 27 minuti di utilizzo. Il massimo stagionale invece l’ha ottenuto con la NutriBullet Treviso e l’Openjobmetis Varese con 23 punti. 

You may also like

Lascia un commento