Home Lega Basket A Reyer Venezia, Spahija a rischio: il nome caldo per il futuro

Reyer Venezia, Spahija a rischio: il nome caldo per il futuro

di Stefano Sanaldi

Non l’inizio di playoff che tutti si aspettavano dalla Reyer Venezia di Neven Spahija, quello è certo. Il brutto KO di gara-1 tra le mura amiche contro Reggio Emilia, ha da subito alzato l’asticella dell’attenzione su coach e squadra. Sconfitta che ha fatto saltare il favore campo, con la Reyer che ora è chiamata a sbancare almeno una volta il PalaBigi per non salutare i playoff al primo turno.

Reyer Vanezia: se parte Spahija arriva Pozzecco?

Il difficile avvio di questa post season in casa Reyer Venezia ha fatto salire la tensione, con coach Neven Spahija finito già sulla graticola. Come riportato da La Nuova Venezia e Mestre, il coach croato potrebbe essere il primo a vedere vacillare il proprio posto. E il nome in pole position sarebbe quello di Gianmarco Pozzecco, attuale CT dell’Italbasket.

Stando alle indiscrezioni raccolte dal quotidiano, la dirigenza oro granata difficilmente potrebbe tollerare l’uscita ai quarti di finale dei playoff per il terzo anno consecutivo, anche se questa sequela di fallimenti non sarebbero tutti da imputare a coach Spahija. Occorre ricordare che la Reyer Venezia aveva puntato forte in estate su Bruno Caboclo, col centro brasiliano che ha poi cambiato idea mandando all’aria tutta l’idea di squadra pensata in estate .

Coach Neven Spahija, per gran parte della stagione, non ha avuto un vero centro a disposizione, facendo di necessità virtù. Solo a febbraio la dirigenza veneziana ha colmato questa grossa lacuna all’interno della squadra  firmando Mfiondu Kabengele e dando al coach il lungo di cui tanto avrebbe avuto bisogno da settembre. Oltre alla questione centro, non va certo dimenticata la lunga lista di infortuni con cui il coach croato ha dovuto fare i conti per buona parte della stagione orogranata.

L’ipotesi Gianmarco Pozzecco, reduce dal’esonero con Asvel Villeurbanne, sarebbe una ipotesi suggestiva ma che più di qualcuno nell’entourage della Reyer Venezia sarebbe molto gradita. L’esonero da parte di Tony Parker fa ancora male al CT azzurro, e ripartire da una piazza come Venezia, ambiziosa ma senza troppe pressioni,  potrebbe essere il posto ideale per rilanciare la sua carriera.

You may also like

Lascia un commento