fbpx
Home Lega Basket A Supercoppa 2020, day 2: l’Olimpia domina Varese, Virtus ok

Supercoppa 2020, day 2: l’Olimpia domina Varese, Virtus ok

di Kevin Martorano

Si è conclusa la seconda giornata della Supercoppa 2020: quattro i match giocati, con l’Olimpia Milano che ha confermato quanto di buono visto nella prima partita contro Cantù. Andiamo a vedere insieme quali sono stati i risultati di giornata, con un breve riassunto delle partite andate in scena e chi sono stati i migliori scorer di giornata.

Supercoppa 2020: i recap delle partite giocate nel day 2

  • Ore 18.00: Openjobmetis Varese-Olimpia Milano.

L’Olimpia Milano ha letteralmente dominato l’Openjobmetis Varese nel primo match di giornata: la squadra di coach Ettore Messina si è infatti sbarazzata degli avversari con un punteggio di 77-110 grazie ad una prova balistica impressionante (17/28 da tre punti). Kevin Punter si è confermato ancora una volta miglior realizzatore della sua squadra, mettendo a segno 19 punti in 18 minuti di gioco; più in generale però, la squadra meneghina ha portato in doppia cifra per punti segnati ben sette giocatori.

Dall’altra parte la squadra di coach Attilio Caja non è mai stata in partita, faticando enormemente già dal primo quarto (perso per 16-32) e tirando malissimo da tre punti (6/23), iniziando anche malissimo da dentro l’area (0/9 da due punti nel primo quarto). Chiaramente l’Olimpia Milano è una squadra nettamente superiore, oltre ad essere più profonda (Sergio Rodriguez, Micov e Tarczewski sono rimasti addirittura a riposo), ma i segnali dati da Varese non sono per niente incoraggianti. Le note positive sono senza dubbio Luis Scola, il quale dopo un primo quarto da 0 punti segna 21 punti nei restanti tre quarti, oltre ad un Anthony Morse da 11 punti e 6 rimbalzi (tutti offensivi).

Parziali singoli quarti: 16-32; 25-27; 19-33; 17-18.

Parziali progressivi: 16-33; 41-59; 60-92; 77-110.

Openjobmetis Varese: A.Morse 11, L.Scola 21, G.De Nicolao, I.Jakovics 10, M.Ruzzier 5, D.Andersson 2, A.Strautins 9, N. De Vico 4, G.Ferrero 6, T.Douglas 9, A.Van Velsen n.e, M.Librizzi n.e. Coach: Attilio Caja.

Olimpia Milano: K.Punter 19, Z.LeDay 10, D.Moretti 6, R.Moraschini 17, M.Roll 12, P.Biligha, A.Cinciarini 2, M.Delaney 13, S.Shields 10, J.Brooks 3, K.Hines 6, L.Datome 12. Coach: Ettore Messina.

  • Ore 19.00: Vanoli Cremona-Virtus Bologna.

Nella seconda partita della giornata e primo match del girone B si sono affrontate la Vanoli Cremona del coach Paolo Galbiati e la Virtus Segafredo Bologna guidata dal coach Sasha Djordjevic. Ad uscirne vincitrice è stata la squadra bolognese che è riuscita ad imporsi per 87-66 grazie ad una buona prova di squadra della Virtus che è riuscita a mandare a referto tutti i giocatori (quattro giocatori in doppia cifra) eccetto Lorenzo Deri, che comunque ha fornito diversi assist ai compagni.

Nonostante il risultato la Vanoli si è dimostrata una squadra solida specialmente in difesa nonostante la poca chimica di squadra, visto che si tratta di una squadra completamente nuova (nei primi 3 quarti), riuscendo a limitare parzialmente la Virtus, restando in partita per tre quarti di gioco. Inoltre quando la gara era ancora punto a punto sono stati messi in campo molti giovani come Gallo e Ferrari, talentuosi ma comunque privi dell’esperienza che serviva per cercare di portare a casa la partita. Da sottolineare una buona prestazione da parte di Poeta, Palmi e dell’ex Cournooh.

Parziali dei singoli quarti: 22-17; 10-21; 24-23; 10-26

Parziali progressivi: 22-17, 32-38; 56-61; 66-87

Vanoli Cremona: D. Cournooh 15, T. Palmi 13, G. Poeta 12, F. Mian 9, J. Williams 7, A. Donda 7, L. Trunic 2, A. Feraboli 1, F. Marchetti, F. Gallo, F. Ferrari. Coach: Paolo Galbiati.

Virtus Bologna: M. Teodosic 11, A. Tessitori 10, A. Abass 10, G. Ricci 10, A. Alibegovic 9, J. Gamble 9, S. Markovic 8, A. Pajola 8, V. Hunter 6, K. Weems 3, J. Adams 3, L. Deri. Coach: Sasha Djordjevic.

  • Ore 20.00: San Bernardo-Cinelandia Cantù-Germani Brescia.

Alle ore 20.00 si è disputata la seconda ed ultima partita di giornata del girone A di Supercoppa 2020 tra la Pallacanestro Cantù di coach Cesare Pancotto e la Germani Brescia di coach Vincenzo Esposito. Ad avere la meglio è stata la squadra bresciana in un finale al cardiopalma, visto che il punteggio finale è stato di 75-76.

La squadra canturina dopo un primo quarto equilibrato sembrava poter prendere il controllo del match, molto meglio infatti il primo tempo di Cantù rispetto al primo tempo giocato da Brescia (grazie ad un secondo quarto da 32-17 per Cantù), ma nel secondo tempo le cose sono totalmente cambiate, con la rimonta della Leonessa Brescia e la vittoria finale della squadra di coach Esposito.

La San Bernardo Cantù non ha tirato bene da dietro l’arco, visto che ha chiuso la partita con un 7/28 da dietro l’arco, ma la chiave della partita sono stati i tanti rimbalzi offensivi concessi agli avversari (ben 19 rimbalzi in attacco catturati dai bresciani). Non basta dunque la grande prova di Andrea Pecchia, il quale ha chiuso la partita con 18 punti in 21 minuti giocati.

Anche la Germani non ha tirato particolarmente bene dall’arco (8/27), neanche da due punti a dire la verità (16/41), ma la buona circolazione di palla (20 assist di squadra distribuiti) e i rimbalzi hanno permesso alla squadra di coach Esposito di prevalere su una Cantù che si ritrova a 0 punti in classifica dopo le prime due partite giocate in questa Supercoppa 2020. Da sottolineare l’ottima prova di Christian Burns, il quale ha sfornato una doppia doppia da 16 punti ed 11 rimbalzi.

Parziali singoli quarti: 14-15; 32-17; 11-20; 18-24.

Parziali progressivi: 14-15; 46-32; 57-52; 75-76.

San Bernardo Cantù: T.Lanzi n.e, S.Caglio n.e, D.Thomas, J.Smith 9, S.Kennedy 12, J.Woodard 11, G.Procida 7, M.Leunen 5, A. La Torre, J.Bayehe 4, J.Johnson 9, A.Pecchia 18. Coach: Cesare Pancotto.

Germani Brescia: L.Vitali, S.Parrillo 6, K.Cherry 11, G.Bortolani 8, A.Crawford 12, C.Burns 16, T.Kalinoski 8, D.Moss n.e, B.Sacchetti 7, A.Ancelotti 8. Coach: Vincenzo Esposito.

  • Ore 20.45: Unahotels Reggio Emilia-Fortitudo Bologna.

Ultima sfida di giornata di questa Supercoppa 2020 ed è una partita giocata a ritmi abbastanza elevati, con rapidi capovolgimenti e difese abbastanza penetrabili da parte di entrambe le squadre.

Per la Fortitudo Bologna subito in mostra il neo-acquisto Ethan Happ che ha giocato una partita molto positiva (26 punti ed 8 rimbalzi), oltre a tanta energia nel complesso. Buone sensazioni sono arrivate anche da Fantinelli e Banks, che si sono divisi bene la gestione della squadra. Ci vorrà ancora un po’ di tempo di adattamento per entrambi i rookie Fletcher e Withers, ma presto la mano di coach Sacchetti si vedrà anche su di loro. D’altro canto invece partita abbastanza deludente di Pietro Aradori, mentre i due giovani, Palumbo e Totè, devono crescere ancora senza essere caricati eccessivamente di pressione, nonostante Bologna sia una piazza esigente.

Per l’Unahotels Reggio Emilia invece da segnalare l’ottima prova di Brandon Taylor che si è dimostrato essere una continua spina nel fianco per la difesa bolognese. A fargli eco anche Thomas Kyzlink, che si conferma un buon attaccante. Segnali positivi dai più esperti Baldi Rossi e Blums, il quale nonostante i 38 anni ha fatto vedere di avere la mano ancora molto calda.

Parziali singoli quarti: 16-23; 29-22; 21-24; 24-16.

Parziali progressivi: 16-23; 45-45; 66-69; 90-85.

Unahotels Reggio Emilia: L.Candi 7, F.Baldi Rossi 18, B.Taylor 26, M.Giannini 3, I.Cham 6, A.Maddaloni n.e, R.Carta n.e, A.Besozzi n.e, F.Bonacini 4, M.R.Diouf 4, J.Blums 8, T.Kyzlink 14. Coach: Antimo Martino.

Fortitudo Bologna: N.Dellosto n.e, A.Banks 22, P.Aradori 8, S.Mancinelli 6, T.Fletcher 7, M.Palumbo 4, M.Fantinelli 6, E.Happ 26, T.Withers 2, L.Totè 4, G.Sabatini. Coach: Romeo Sacchetti.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi