fbpx
Home Lega Basket A Segafredo Virtus Bologna – Grissin Bon Reggio Emilia: Preview del match

Segafredo Virtus Bologna – Grissin Bon Reggio Emilia: Preview del match

di Gabriele Ramponi

Finalmente si torna in campo per giocare la ventiquattresima gara del campionato di serie A, anche se in un clima un po’ insolito, vista l’ordinanza del governo, relativa al Coronavirus, che impone di disputare le gare a porte chiuse; si troveranno di fronte la capolista Segafredo Virtus Bologna e la GrissinBon Reggio Emilia.

La squadra di casa arriva dall’importante vittoria ottenuta giovedì sera sul campo neutro di Belgrado contro il Darussafaka, che gli ha permesso di staccare il biglietto per i quarti di finale di Eurocup, mentre gli ospiti invece non giocano un impegno ufficiale da quasi un mese, visto il weekend dedicato alla coppa Italia, il successivo di riposo e l’ultimo sospeso a causa del predetto Coronavirus.

Qui Segafredo Virtus Bologna

La formazione bolognese può tirare un sospiro di sollievo visto l’acceso ai quarti di finale conquistato contro i turchi del Darussafaka, infatti, in caso di sconfitta, le V nere sarebbero state eliminate, e in questo modo avrebbero perso la possibilità di lottare per un altro obiettivo dichiarato all’inizio della stagione.

Il reparto dei playmaker rappresenta probabilmente il rebus più grande che coach Maurizio Buscaglia dovrà risolvere per, con Milos Teodosic e Stefan Markovic che sono il pericolo numero uno per la difesa reggiana vista la tendenza dei due ad attivarsi in qualsiasi momento. Parlando di esterni abbiamo Frank Gaines, che sta però faticando molto dall’inizio della stagione, anche a causa di un contesto non troppo consono alle sue caratteristiche, dai due “swingman” Kyle Weems e Devyn Marble e da David Cournooh, giocatore che grazie alla sua etica difensiva risulta molto prezioso anche con pochi minuti.

Il pacchetto dei lunghi è costituito da Vince Hunter, che con punti e rimbalzi sta facendo una gran stagione uscendo dalla panchina, da Giampaolo Ricci, che cresce sempre di più ad ogni partita, e da Filippo Baldi-Rossi, che è sempre pronto ogni volta che coach Sasha Djordjevic lo chiama in causa; infine abbiamo Julian Gamble e Marcos Delia, con quest’ultimo che però fatica a trovare spazio, soprattutto perché Gamble e Hunter si stanno esprimendo su ottimi livelli.

Qui Grissin Bon Reggio Emilia

La squadra reggiana non gioca un impegno ufficiale da quasi un mese come detto, ma questo non deve essere un’attenuante, come detto anche da coach Buscaglia, perché senza impegni ufficiali si ha avuto tempo e modo di preparare ogni cosa.

Reggio si presenta con il nuovo assetto nel reparto playmaker formato da Will Cherry come titolare, e da Giuseppe Poeta che dovrà far rifiatare il nativo di Oakland, vista la partenza Gal Mekel direzione Unicaja Malaga. Il reparto delle guardie è formato da Darius Johnson-Odom, che rappresenta il giocatore più pericoloso a disposizione di Buscaglia, da David Vojvoda, e dal “fortitudino” Leonardo Candi che vivrà questo incontro come una sorta di derby.

Le ali sono Reggie Upshaw, che sta mantenendo cifre discrete nonostante l’altalenante tiro da fuori, anche grazie al gioco spalle a canestro, e Simone Fontecchio che è decisamente in forma, viste le ultime prove in campionato e in canotta azzurra.

Sotto i tabelloni si trova il solo Josh Owens a lottare contro Gamble e Hunter, vista la rescissione del contratto da parte di Derek Pardon, dovuta ad un infortunio alla mano subito nell’amichevole contro la Fortitudo Bologna; in comune accordo con la società è arrivata come detto la rescissione consensuale, così da poter far tornare l’atleta negli Stati Uniti per sottoporsi all’operazione al quarto metacarpo della mano sinistra.

Con una squadra decimata e il roster super accorciato, si vedrà cosa riuscirà a inventarsi coach Maurizio Buscaglia per vincere questa partita.

Pronostico del match

Il match si preannuncia equilibrato visto il ritorno in campo dopo la pausa forzata di entrambe le compagini anche se la squadra di casa ha disputato un paio di impegni in più.

Tuttavia vediamo le V nere favorite per la vittoria finale, vista la profondità di roster e il talento a disposizione di coach Sasha Djordjevic.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi