fbpx

Salary Cap NBA: Indiana Pacers

di Marco Tarantino

Andiamo ad analizzare i Salary Cap delle varie franchigie NBA in vista della nuova stagione 2015-2016 che si preannuncia ricca di novità.

Cominciamo da una squadra che ha rivoluzionato il proprio cap ed il proprio roster: gli Indiana Pacers.

Sono andati via Roy Hibbert (Lakers), David West (Spurs), Scola (Raptors) per un reparto lunghi che Larry Bird d’accordo con coach Vogel ha voluto rinnovare cercando di cambiare tipologia di gioco: da una squadra molto pesante nel pitturato ad uno small-ball con Paul George a fare le veci di Green nel modello Warriors come ala grande ed un quintetto small.

Il colpo in entrata è stato Monta Ellis, passato dai Mavs ad Indiana, è arrivato Jordan Hill dai Lakers, il rookie Myles Turner dal draft, l’altro rookie Rakeem Christmas, centro di Syracuse selezionato dai Minnesota Timberwolves con la 36° chiamata per poi essere girato ai Cavs e quindi finito ai Pacers. Dentro anche Chase Budinger dai Wolves, e Toney Douglas, combo guard giramondo.

Pacers

La situazione salariale per la prossima stagione è la seguente:
Paul George sarà il giocatore più pagato a quasi 17 milioni di dollari, seguito dal nuovo arrivato Monta Ellis a 10 milioni di dollari. Unici due giocatori in doppia cifra, gli altri a partire da George Hill tutti sotto i dieci milioni, da 8 dell’ex Spurs, 7 Stuckey, 5 Budinger, fino a scendere sotto i cinque con CJ Miles.

71 milioni scarsi in questa stagione recita il salary cap, nella prossima si scenderà a 57.482,574 milioni, cosa che consentirà alla dirigenza di costruire una franchigia vincente attorno a Paul Geoge, Monta Ellis ed il rookie Turner. A livello di team payrolls Indiana è al 16esimo posto tra tutte le franchigie della lega: la nona conteggiando solo franchigie ad Est.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi