Adam Silver: “La forza degli Warriors non sarà un male per la NBA”

caso NCAA

Adam Silver: “La forza degli Warriors non sarà un male per la NBA”

Il commissario dell’Nba Adam Silver ritiene che l’acquisto di Cousins effettuato da Golden State non sia dannoso per la Lega. La differenza ormai ampia tra Est ed Ovest e, in particolare, tra Golden State ed il resto dell’Nba, non è vista quindi in negativo dai manager del campionato a stelle e strisce.

LE DICHIARAZIONI  DI SILVER

European Ambassador

Adam Silver, commissario dell’Nba dal 2014

Il successore di David Stern ha rilasciato, in merito, diverse dichiarazioni alla stampa a Las Vegas, le quali sono state riportate da Ohm Youngmisuk di ESPN.com

Non penso che sia necessariamente negativo che gli Warriors siano così dominanti. Noi non cerchiamo di creare un sistema di parità forzata tra le squadre. Quello a cui noi puntiamo è la pari opportunità a cui possono ambire tutte le franchigie per poter crescere e svilupparsi.

Silver ha continuato, poi, aprendo la possibilità a futuri cambiamenti per la Lega, anche se ribadisce che le cose allo stato attuale sono molto positive.

Creeremo un sistema maggiormente competitivo sui mercati ed una sempre più ampia uguaglianza di opportunità tra le squadre. Amo la lega, mi piace la situazione attuale che abbiamo raggiunto, ma penso che ci sono alcune migliorie da fare. Facciamo continuamente previsioni, abbiamo economisti che lavorano per noi, ma non possiamo prevedere certi cambiamenti dei nostri team che possono accadere da un momento all’altro.

I cambiamenti richiamati da Silver non sono ancora dunque chiari. Il commissario, però, è consapevole che si sta valutando all’orizzonte l’idea di voler modificare il sistema di affiliazione alla conference, senza una distinzione tra Est ed Ovest. Tuttavia, lo stesso Silver ha ritenuto tale modifica piuttosto “complicata” perchè richiederebbe “una completa revisione dei programmi di lavoro, degli accordi televisivi” e, ha aggiunto, “un aumento drastico dei viaggi delle squadre”.

Per il momento, però, l’Nba approva il desiderio degli Warriors di ambire ad una sempre più smisurata grandezza

Con il sistema attualmente in vigore,vogliamo squadre che ambiscano sempre di più alla competizione. Gli Warriors fanno bene a rinforzarsi e ad aumentare il loro predominio sulle altre. Questo è quello che tutti i tifosi vogliono vedere. Noi accettiamo cambiamenti delle squadre che siano entro le regole pattuite. Se la circostanza lo richiederà, noi interverremo.

 

Tommaso Ranieri
tommi-ranieri@hotmail.it

Studente di Giurisprudenza, amante del basket, in modo particolare del campionato NBA, e dello sport in generale.

No Comments

Post A Comment