fbpx
Home Lega Basket ADe'Longhi Treviso De’Longhi Treviso-Leonessa Brescia: si sblocca la Germani

De’Longhi Treviso-Leonessa Brescia: si sblocca la Germani

di Alessandro Bisetto

De’Longhi Treviso-Leonessa Brescia è il penultimo appuntamento di giornata in Lega Basket A. Turno di campionato zeppo di sorprese, con le due vittorie pesanti di Pesaro in casa di Venezia e di Cremona in casa della quotata Virtus Bologna. Una partita intensa quella di stasera al Palaverde, con una Leonessa Brescia desiderosa di sbloccarsi in classifica e con la De’Longhi Treviso pronta a ripartire dopo la pesante sconfitta di settimana scorsa in casa della capolista Olimpia Milano.

De’Longhi Treviso-Leonessa Brescia: l’analisi della gara

Una gara dalle mille facce quella andata in scena al Palaverde. Leonessa Brescia che conduce sostanzialmente senza troppi patemi i primi due quarti di partita e con una mai doma De’Longhi Treviso che prova fino alla sirena conclusiva a ricucire lo strappo pesante della pausa lunga (54-70).  Un tentativo vano per gli uomini di coach Max Menetti che arrivano fino al -2, ma alla fine devono arrendersi davanti a un’ottima serata al tiro dei bresciani. I ragazzi di Vincenzo Esposito espugnano infatti Treviso con il punteggio di 87-94 e si rilanciano così in campionato dopo due sconfitte in fila.

I padroni di casa hanno il pregio di non uscire mai mentalmente dalla partita, malgrado il pesante svantaggio accumulatosi nei primi due quarti. La sofferenza sotto canestro è ancora una lacuna da colmare per una De’Longhi ( 21 a 31 i rimbalzi complessivi) che fa vedere comunque delle ottime cose in attacco. Una squadra portata per mano dai due esterni trevigiani, che muovono con velocità la palla e costruiscono delle buone trame di gioco. Mediocre però la percentuale da oltre l’arco ( 11-32, per un 34 % complessivo) rispetto ai tradizionali standard della De’Longhi, a cui manca la freddezza necessaria proprio in alcuni tiri pesanti del match.

Partita di spessore per il veterano David Logan, che chiude a quota 30 punti la sua gara. Ottime le percentuali al tiro dell’ex Sassari (6/8 da due e 5/9 da tre) che suona la carica all’inizio del quarto finale e regala ai suoi tifosi un finale da punto a punto. Bene DeWayne Russell in cabina di regia ( doppia doppia sfiorata con 16 punti e 8 rimbalzi), ormai inseritosi alla perfezione negli schemi della De’Longhi. Il play americano comincia a crescere anche in difesa e sta ultimando il percorso di adattamento ai ritmi del nuovo campionato. Doppia cifra anche per un sempre solido Nikola Akele (11 punti e 6 rimbalzi) e Jeffrey Carroll, con l’ex Bergamo che tira male da tre (2/9) ma è fondamentale in difesa per tenere vive le speranze di rimonta di Treviso.

Che dire davanti alle percentuali al tiro della serata bresciana. La Leonessa chiude il suo incontro con un sensazionale 29-39 da due e un ottimo 9-16 da tre. Statistiche che da sole potrebbero raccontare il successo del Palaverde e che però fanno leggermente da contraltare guardando il punteggio finale. Le palle perse infatti (13 alla sirena finale) hanno dato il là alla parziale rimonta dei padroni di casa. Un recupero che, fortunatamente per David Moss e compagni non si è concretizzato ,ma che poteva gettare al vento l’ottima prova dei primi tre quarti. Difesa aggressiva e buon giro palla offensivo (come spiegano i 24 assist), uniti a un’ottima presenza sotto i tabelloni, le chiavi della prima vittoria della Leonessa in stagione. 

Ottima partita  di T. J. Cline, miglior realizzatore dei suoi con 20 punti e un immacolato bottino realizzativo chiuso con 5/5 da due e 3/3 da oltre l’arco. Positive poi, come detto,  le prove dei due lunghi Christian Burns (12 e 5 rimbalzi) e Dušan Ristic (14 punti e 5 rimbalzi), in aggiunta a un coriaceo Brian Sacchetti da 13 punti e un 5/5 totale dal campo. Partita di carattere e da vero leader per David Moss. L’ex Siena è un vero e proprio cagnaccio in difesa, senza peccare di intensità anche dall’altra parte del campo. Per lui 11 punti, con 5 rimbalzi e 4 falli subiti. 

Il tabellino del match

Parziali singoli quarti: 26-31; 14-23; 24-16; 23-24

Parziali progressivi: 26-31; 40-54; 70-64; 87-94

De’Longhi Treviso: D.Russell 16, D.Logan 30, T.Cheese 2, G.Vildera 2, M.Imbrò 6, L.Piccin n.e, M.Chillo, C.Mekowulu 9, J.Carroll 11, N.Akele 11, V.Bartoli n.e. Coach: Massimiliano Menetti.

Germani Brescia: T.J. Cline 20, K.Chery 11, C.Burns 12, D.Moss 11, A.Crawford 8, T.Kalinoski 5, D.Ristic 14, G.Bortolani, B.Sacchetti 13, A.Ancellotti, L.Vitali. Coach: Vincenzo Esposito.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi