fbpx
Home Lega Basket ABasket mercato A Doppio colpo Pesaro, chiuso il mercato stranieri

Doppio colpo Pesaro, chiuso il mercato stranieri

di Leonardo Selvatici

Giornata infuocata per la Carpegna Prosciutto, fresca di due annunci per il roster 2020-21: i nomi scelti per completare il reparto stranieri della squadra di coach Repesa sono il playmaker statunitense Justin Robinson e l’ala forte maliana Sagaba Konate.
Entrambi i giocatori sono stati scelti con trattative silenziose, lontano dalle voci che avevano tormentato la VL nella trattativa per il centro Tyler Cain. Con l’arrivo di Justin Robinson e Sagaba Konate, la squadra marchigiana ha chiuso il mercato stranieri.

Justin Robinson-Pesaro: la carriera del playmaker

Nato il 12 Aprile 1995 a Lake Katrine (Stato di New York), arriva in Italia dopo un biennio in Francia con lo Chalon-Sur-Saone, e prima ancora da un’annata da rookie in Russia, con la maglia dell’Avtodor Saratov, dove aveva disputato anche la FIBA Europe Cup.

Parlando del suo percorso collegiale (4 anni a Monmouth University), si tratta di una continua crescita sia statisticamente che nel gioco, tanto da valergli un posto nell’ All-MAAC 1st Team per tre stagioni di fila (dal 2015 al 2017); partito al primo anno con 7.2 punti e 3.0 assist uscendo dalla panchina, è cresciuto in tutte le statistiche arrivando al quintetto già al secondo anno e migliorando gradualemente al tiro, un fondamentale in cui ormai è una forza insieme a un’ottima propensione all’assist, caratteristica fondamentale per innescare Tyler Cain.

Sagaba Konate-Pesaro: alla scoperta del maliano

Nato il 19 Settembre 1997 a Bamako, Mali, Sagaba Konate è cresciuto cestiticamente negli USA alla Kennedy Catholic High School di Hermitage, Pennsylvania, dove i due anni liceali furono un vero e proprio successo tanto da meritare il premio di giocatore dell’anno e diventare un prospetto 3 stelle per il college.

La scelta del college ricade su West Virginia dove passa però un primo anno molto difficile, con tanta panchina e molto lavoro in palestra; i frutti arrivano al secondo anno quando, da sophomore,  segna 10.8 punti con 7.6 rimbalzi ma sopratutto mette a segno 3.2 stoppate a partita, classificandosi terzo in tutta la Division I.

Il terzo anno è l’anno della consacrazione che chiude con 13.6 punti, 8 rimbalzi, 2.6 stoppate e sopratutto percentuali dal campo più che ottime: 44% da due, 39% da tre e 81% ai liberi. Il draft 2019 non va a buon fine neanche per lui che finisce per essere selezionato dai Raptors 905 in G League, dove gioca solo 17 partite causa Covid 19.

In generale questi due nuovi volti biancorossi sono uno una certezza (Robinson) e un altro una scommessa (Konate): di certo l’acquisto del maliano è quello forse più centrato, poichè un 4/5 di muscoli ed energia serviva a questa squadra e sopratutto può aiutare moltissimo Cain.

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi