Home Lega Basket A Olimpia Milano: un primo bilancio stagionale

Olimpia Milano: un primo bilancio stagionale

di Kevin Martorano
Olimpia Milano roster 2020/21

Oggi è il turno dell’Olimpia Milano per essere sottoposta sotto ad una lente d’ingrandimento per quanto riguarda questo inizio di stagione. La squadra di coach Ettore Messina ha iniziato la stagione 2020/21 con altissime aspettative da parte di tutti gli esperti ed appassionati, oltre che con grandi ambizioni anche all’interno del gruppo squadra. Infatti il mercato fatto dalla squadra meneghina è un mercato degno di una contender di Eurolega, visto che sono arrivati campioni assoluti come Kyle Hines, Malcolm Delaney, Luigi Datome, Kevin Punter, Zach LeDay, Shavon Shields e Davide Moretti. Stiamo parlando di giocatori con un vissuto importantissimo, con varie Euroleghe vinte e dal talento sconfinato, sia offensivo che difensivo; inoltre, è anche arrivato un giovane dal grande potenziale come Moretti, il quale ogni volta che è stato chiamato in causa ha risposto presente, dimostrando di essere uno scorer di alto livello.

Il roster dell’Olimpia Milano e situazione di mercato

L’Olimpia Milano gode di un roster che definire profondo è riduttivo, visto che è ampiamente coperta in tutti i ruoli. Infatti in cabina di regia troviamo due dei migliori playmaker dell’intera Eurolega come Malcolm Delaney e Sergio Rodriguez, i quali stanno dettando legge in campo nel guidare la squadra alla perfezione, oltre ad un Andrea Cinciarini sempre più leader e uomo spogliatoio, oltre che uomo importante anche in Lega Basket Serie A, per far rifiatare uno dei due pari ruolo sopra citati. Nel reparto guardie troviamo un realizzatore di primissimo livello come Kevin Punter, un ottimo tiratore quale Michael Roll, un giocatore che si avvicina ad essere un all-around come Riccardo Moraschini e un giovane di grande prospettiva come Davide Moretti. Tra le ali piccole troviamo il solito Vladimir Micov, un giocatore in grado di fare tutto nella metà campo offensiva con il suo talento fuori dal comune, e Shavon Shields, un giocatore bidimensionale in grado quindi di fare la differenza sia nella metà campo difensiva che in quella offensiva, oltre ad essere un grande rimbalzista.

Nel reparto ali grandi troviamo invece Zach LeDay, un giocatore solido e che sta facendo molto bene specialmente nella metà campo offensiva, ma che offre il suo contributo alla squadra anche a rimbalzo e in difesa; Luigi Datome, un giocatore dalla grandissima esperienza che si sta dimostrando utile nei momenti che contano e che, per coach Messina, rappresenta un “usato” dal sicuro rendimento. Inoltre, c’è anche un Jeff Brooks che, dopo aver affrontato qualche difficoltà nel suo avvio di stagione, si sta piano piano riprendendo e tornando il Brooks utile che abbiamo sempre ammirato nella sua carriera: difesa, atletismo e qualche canestro da tre punti. Infine, tra i centri abbiamo un fuoriclasse assoluto come Kyle Hines, che grazie alla sua esperienza e alla sua incredibile dedizione alla metà campo difensiva sta disputando una super stagione in ambedue le metà campo, dimostrandosi utile anche come portatore di palla grazie al suo straordinario ball-handling; poi abbiamo un Kaleb Tarczewski un po’ spento in questo avvio stagionale, ma che è sicuramente in grado di offrire atletismo e un buon lavoro difensivo se in forma, e Paul Biligha, un giocatore che purtroppo viene utilizzato poco da coach Messina, vista l’ampia scelta che ha tra i centri (possono giocare da centro anche LeDay e Brooks).

Detto ciò, cosa potrebbe servire all’Olimpia Milano dal mercato? Urgentemente, nulla. Però, un extrabudget sembra possa essere stanziato per un eventuale centro di buon livello in Eurolega, visto il rendimento al di sotto delle aspettative di Tarczewski. Difficile però che la società milanese possa tornare a breve sul mercato, visto il record di 24 partite vinte e 3 partite perse in stagione, essendo ancora imbattuta in Italia e avendo un record di 6 partite vinte e 3 partite perse in Eurolega. Un’altra opzione possibile sul mercato, come avevamo già riportato nella nostra analisi del roster milanese, potrebbe essere l’aggiunta di un esterno dal grande atletismo, visto che nei piccoli l’unico difetto che possiamo trovare è l’assenza di un giocatore dallo strapotere fisico importante.

Top e flop di questo inizio di stagione: Chacho super, Tarczewski rimandato

In questo avvio di stagione in casa Olimpia Milano è difficile trovare un giocatore che abbia meritato più degli altri un posto tra i “top”, come è altrettanto difficile trovare un giocatore che abbia deluso. Infatti sono tanti i giocatori che stanno avendo un rendimento ottimo, partendo dal “chacho” Sergio Rodriguez, arrivando a Kevin Punter e passando per Kyle Hines. Tutti loro stanno sicuramente permettendo alla squadra milanese di essere considerata tra le migliori squadre europee, non dimenticandoci neanche di Shavon Shields e di uno straripante Zach LeDay nel campionato italiano.

Dal nostro punto di vista però, mezzo gradino più in alto rispetto agli altri c’è il fenomeno spagnolo, che sta dimostrando una volta di più a tutta Europa che razza di fuoriclasse sia, trascinando l’Olimpia Milano nelle zone alte della classifica di Eurolega. Infatti anche secondo EuroHoops, in una classifica da loro stilata a fine ottobre, Sergio Rodriguez sarebbe stato l’MVP della Turkish Airlines Euroleague, un riconoscimento che se non hai un rendimento di enorme livello non ottieni. Il playmaker spagnolo sta viaggiando in Eurolega a 12.9 punti, 4.6 assist, 2.8 rimbalzi e 1.4 recuperi di media a partita, con un exploit devastante nella gara contro il Real Madrid da 25 punti e 7 assist. 

Come detto in precedenza invece, Kaleb Tarczewski non sta avendo un rendimento eccelso, anzi è parso spesso in difficoltà e fuori ritmo, forse oscurato dall’arrivo di un centro di un altro livello come Kyle Hines. Ad ogni modo, è sicuramente presto per bocciare un giocatore, specialmente se si tratta di un centro di buonissimo livello come quello americano. Recentemente coach Messina lo sta lanciando in quintetto base, sperando probabilmente di dare fiducia al suo giocatore, vedremo se la scelta fatta dal coach italiano darà i suoi frutti.

L’avvio di stagione e le ambizioni dell’Olimpia Milano

L’avvio di stagione della squadra milanese è sicuramente positivo, sia in campionato che in Eurolega. Proprio nella massima competizione continentale, la squadra di coach Messina sta lanciando segnali positivi: al netto di qualche sconfitta inaspettata come quella contro la Stella Rossa, sono arrivate comunque vittorie di prestigio contro il Real Madrid, che l’Olimpia non aveva mai battuto negli ultimi 11 anni, oltre alla vittoria sul campo del Maccabi Tel Aviv, la prima da quando esiste l’Eurolega moderna. Queste vittorie rappresentano sicuramente un buon segnale, visto che negli ultimi anni la squadra italiana aveva spesso fallito negli scontri contro le squadre top della competizione. 

Per quanto riguarda le ambizioni della squadra meneghina, possiamo dire che sicuramente gli obbiettivi stagionali sono la vittoria della Coppa Italia e del campionato nazionale. Infatti nonostante l’arrivo di Marco Belinelli alla Virtus Bologna, l’Olimpia Milano resta sicuramente la favorita per la vittoria dei due titoli in Italia, dopo aver vinto la Supercoppa ad inizio stagione. Il gap con la squadra bolognese si è sicuramente accorciato visto l’arrivo dell’ex San Antonio Spurs, ma non possiamo certo dire che ora la Virtus sia superiore all’Olimpia. 

In Eurolega invece, è più complesso capire quale sia l’obbiettivo reale della squadra meneghina: infatti ci sono tante squadre attrezzate per arrivare a giocarsi le Final Four, di conseguenza è presto oggi per capire se l’Olimpia sia una squadra da Final Four. Probabilmente, sotto questo punto di vista, sarà utile il tris di partite in Eurolega che vedrà l’Olimpia affrontare Barcellona, Fenerbahce ed Efes consecutivamente: al termine di queste partite, potremo dire con più sicurezza quale sia l’obbiettivo reale dell’Armani Exchange in Eurolega. Sicuramente però, la squadra di coach Messina è attrezzata per entrare nelle magnifiche otto di Eurolega, le quali andranno a giocarsi la post-season europea. 

You may also like

Lascia un commento