Home Lega Basket A Olimpia Milano-Virtus Bologna, atto terzo delle Finali LBA

Olimpia Milano-Virtus Bologna, atto terzo delle Finali LBA

di Daniele Morbio
Billy Baron Olimpia Milano

Olimpia Milano-Virtus Bologna, atto terzo delle Finali: tutto come da copione per le due formazioni, che si sono sbarazzate con un 3-0 uguale la Dinamo Sassari e la Bertram Yachts Derthona. La serie prenderà il via nella giornata di venerdì con Gara 1 prevista alle ore 20.30. Fattore campo a favore per la squadra di Ettore Messina, che ha chiuso la regular season al primo posto, mentre quella di Sergio Scariolo è arrivata seconda. Due formazioni in grande forma, come si è visto in queste settimane.

Come arriva l’Olimpia Milano e dove può mettere in difficoltà la Virtus Bologna

Le scarpette rosse arrivano in grande forma a quello che – visto l’andamento dell’anno – è l’appuntamento stagionale più importante di questo 2022/2023: fallito l’assalto all’Eurolega con un cammino insufficiente e clamorosamente eliminata al primo turno dalla Coppa Italia, l’Olimpia Milano ha il dovere di conquistare lo scudetto per non chiudere la sua stagione senza titoli. In questi playoff il cammino è stato complessivamente agevole, eccezion fatta per l’inciampo di una brutta Gara 3 a Pesaro: equilibrio, qualità ed una certa solidità difensiva i punti cardine di quarti e semifinali. Nel dettaglio Melli e compagni hanno eliminato 3-1 la Carpegna Pesaro ai quarti e la Dinamo Sassari 3-0 in semifinale, con G1 e G3 dominate e nel mezzo una G2 portata via con le unghie ed i denti. Proprio il nuovo equilibrio della squadra campione d’Italia in carica può mettere in difficoltà la Virtus Bologna: il duo Melli-Voigtmann può creare grossi grattacapi alla difesa bianco-nera, specialmente con l’ex CSKA, che dall’arco sembra ora una macchina perfetta. Il tiro dall’arco contro la staticità di Jaiteh può essere l’arma chiave per aprire la scatola e soprattutto rendere vulnerabile il francese, che però non dovrebbe essere uno dei più utilizzati da Scariolo. La velocità di Napier invece sarà determinante per provare a rendere inefficace la pressione di Pajola o Hackett. Altro fattore su cui i bianco-neri potrebbero soffrire è l‘energia con cui va a rimbalzo l’Olimpia con Melli, Hines, Voigtmann, Shields e non solo. Una squadra in salute, ma che ha dei passaggi a vuoto di cui in queste finals sarà necessario farne a meno.

Come arriva la Virtus Bologna e dove può mettere in difficoltà l’Olimpia Milano

Se Milano arriva in ottima forma, altrettanto si può dire per Bologna. La squadra di Scariolo sta giocando dei playoff di alto livello, reagendo alle difficoltà (leggasi Gara 3), trovando un attacco scintillante ed una difesa che sta sempre di più salendo di colpi, come si è visto nella serie con il Derthona. I bianco-neri hanno spazzato via Brindisi ed i piemontesi con un 3-0 netto e perentorio, recuperando da un complicato -16 del 20′ nell’ultima uscita al PalaFerraris, mostrando estrema forza mentale ed un’ottima condizione fisica. Non è un caso se la squadra di Scariolo è salita di colpi con la crescita dei suoi big, da Hackett a Shengelia, passando per Ojeleye, Abass e soprattutto Mickey. Se le scarpette rosse punteranno molto sul tiro dall’arco e sulle invenzioni di Napier, le V-Nere risponderanno con la fisicità superiore presente quasi in ogni reparto: Hackett può mettere in difficoltà Napier giocando in post basso, Ojeleye può fisicamente limitare molto Shields e con Cordinier può anche attaccarlo in penetrazione. L’impatto di Teodosic sarà poi di vitale importanza, come quello di un Belinelli sempre più grande protagonista. Il serbo è in condizioni non ottimali ma sa come accendersi, l’ex San Antonio invece è in un momento di super forma e può essere decisivo. Se sotto canestro Jaiteh può soffrire un Voigtmann infuocato da oltre l’arco, Mickey invece può contenerlo meglio, con il francese chiamato eventualmente a giocare di più contro Hines. Sarà curioso l’adattamento tattico di Scariolo con Napier: proporrà la box and one per toglierlo dalla partita? Potrebbe essere una soluzione.

Precedenti e pronostico

Precedenti in stagione favorevoli alla squadra di Scariolo, che ha vinto 3 volte su 4 tra LBA ed Eurolega contro quella di Messina: in campionato le scarpette rosse hanno espugnato la Segafredo Arena con uno scarto netto sopra i 20 punti, mentre le V-Nere hanno conquistato 2 successi al Forum (compresa la sfida di coppa) ed uno tra le mura amiche. La sfida di Supercoppa di inizio stagione è stata vinta da Belinelli e compagni. Per quanto riguarda i precedenti recenti nelle Finali Scudetto il bilancio è in perfetta parità: 2 anni fa a conquistare il tricolore è stata la Virtus Bologna, che ha dominato 4-0 la serie violando 2 volte il Forum senza avere il fattore campo a favore. La stagione scorsa l’Olimpia Milano ha vendicato la pesante batosta del 2021 vincendo la serie 4-2 ed anche stavolta il fattore campo era della squadra che poi ha perso il titolo. Sarà così anche quest’anno? Tutto da vedere, la sensazione è che queste due squadre stiano davvero bene e siano in gran forma. Sarà – dunque – una finale molto equilibrata, con forti possibilità di arrivare quantomeno a Gara 6. Leggermente favorita forse la truppa di Scariolo, che ha mostrato maggior solidità mentale e fisica.

You may also like

Lascia un commento