Home Lega Basket A Reggio Emilia risorge, abbattuta la Reyer

Reggio Emilia risorge, abbattuta la Reyer

di Daniele Morbio
Reggio Emilia batte la Reyer

Una grande partita di Reggio Emilia per risorgere dal pesantissimo ko di settimana scorsa contro Derthona. La Reyer cade pesantemente in terra emiliana e perde terreno dalla capolista Brescia, vincitrice in casa di Napoli nell’altro anticipo di giornata. I bianco-rossi di Priftis giocano una partita straordinaria per intensità ed aggressività, fermando la corsa degli oro-granata, che dopo i 108 punti segnati martedì ne realizzano soltanto 60 in una serata storta per lucidità e qualità al tiro.

Gli emiliani portano 3 giocatori in doppia cifra, con le ottime prove di Atkins (17 con 4 rimbalzi e 3 stoppate), 18 di Weber con 5 recuperi e 12 di Smith. I lagunari di Spahija pagano la brutta serata al tiro dall’arco ed hanno in Simms l’unico in doppia cifra con 14 punti e 7 rimbalzi. Stecca la partita Tucker, che chiude con 1/8 dal campo e 2 di valutazione.

Reggio Emilia-Reyer, le chiavi della partita

Successo meritato per Reggio Emilia contro una Reyer spuntata e davvero imprecisa dal campo, oltre che nervosa visti i due falli tecnici ed espulsione ricevuta da Tessitori nel secondo periodo della partita. Troppi giocatori sotto lo standard abituale, in particolare WiltjerTucker ed Heidegger. Il migliore della formazione lagunare è Spissu, molto presente a rimbalzo ed ancora una volta miglior assist man della squadra. Gli emiliani vincono la partita aggredendo Venezia con gli esterni e con i lunghi, facendo valere anche il “fattore campo”, davvero importante per Vitali e compagni.

La percentuale dal campo dei lagunari è del 35%, davvero insufficiente per vincere e forzata soprattutto dall’aggressività della formazione emiliana. I padroni di casa difendono alla morte il ferro (6 stoppate date e 0 subite), perdono solo 9 palloni e ne recuperano altrettanti: il dato chiave è proprio questo, con gli oro-granata che concedono tanti attacchi in transizione alla formazione di Priftis, che recupera 9 possessi sui 14 persi dalla squadra di SpahijaUn passo indietro nella qualità offensiva prodotta da De Nicolao e compagni dopo la doppia grande prova contro Trento Prometey. L’immagine del match è il fallo tecnico preso da Heidegger e quello doppio con espulsione di Tessitori: gli ospiti hanno subito l’aggressività dei padroni di casa uscendo dal match, cosa che non può succedere ad una formazione esperta. La sensazione è che sull’espulsione del lungo azzurro c’è stato un fraintendimento da parte della terna arbitrale, ma il successo dei padroni di casa è assolutamente fuori discussione e meritatissimo.

Tabellini del match

Punteggio singoli quarti: 17-16; 21-14; 22-14; 17-16

Punteggio progressivo: 17-16; 38-30; 60-44; 77-60

Reggio Emilia: Weber 18; Bonaretti 1; Cipolla 0; Suljanovic 0; Galloway 7; Faye 8; Smith 12; Uglietti 0; Atkins 17; Vitali 6; Grant 3; Chillo 5. All. Priftis

Reyer: Spissu 6; Heidegger 6; Casarin 9; De Nicolao 2; O’Connell n.e; Janelidze n.e; Brooks 4; Simms 14; Wiltjer 8; Tucker 5; Tessitori 6. All. Spahija

You may also like

Lascia un commento