fbpx
Home Lega Basket A Virtus Roma-Reyer Venezia: successo esterno degli oro-granata

Virtus Roma-Reyer Venezia: successo esterno degli oro-granata

di Marco Fasano

Si riscatta alla grande la Reyer Venezia che sconfigge nella settima giornata di Lega Basket Serie A la Virtus Roma per 71-89 dopo lo stop interno subito contro la Virtus Bologna. I lagunari conquistano il quinto successo stagionale e si portano a quota 10 punti in classifica. Resta a due successi invece la Virtus Roma, che non vince in casa dall’esordio contro la Fortitudo Bologna.

Da segnalare in casa Reyer Venezia l’assenza di Valerio Mazzola, mentre la squadra capitolina ha dovuto fare a meno di Gerald Robinson. Andiamo a vedere quali sono state le chiavi del match.

Virtus Roma-Reyer Venezia: l’analisi della partita

Match che sin dai primi minuti vede la Reyer partire con l’atteggiamento giusto. Il primo periodo terminato 15-28 ha fatto capire sin dai primi minuti l’andazzo del match, con Roma chiamata ad una rimonta complicata, che non riesce a realizzare.

Sotto gli occhi di Claudio Toti (probabilmente all’ultima partita della sua gestione), la Virtus ha offerto l’ennesima prestazione “magra” dal punto di vista realizzativo. Si conferma, infatti, l’ultima squadra nella classifica dei punti segnati in campionato, con appena 71.6 punti realizzati di media a partita.

Ancora una volta, la squadra messa in campo da coach Piero Bucchi ha attaccato in maniera troppo confusionaria: indicativo, in questo senso, è il numero delle 20 palle perse, decisamente troppe per impensierire una squadra del calibro della Reyer Venezia. Altra chiave negativa per la Virtus è stata sicuramente la percentuale dalla linea della carità: 16/31 ai liberi, con un misero 52%, rappresenta la giornata della squadra capitolina, visto che ha sprecato tante occasioni dalla lunetta per portare a casa punti facili che avrebbero potuto cambiare le sorti della partita. Ben diversi i numeri per Venezia, assai più precisa, visto che ha tirato i tiri liberi con l’83%.

Questi sicuramente i due fattori statistici che vanno a creare il gap tra le due compagini, dato che le cifre dal campo si equivalgono, o quasi.

Non nel match più fortunato arriva la prima sorprendente tripla-doppia in carriera per Tommaso Baldasso. Il playmaker torinese è stato autore di 16 punti, conditi da 10 rimbalzi ed altrettanti assist. Si conferma in un ottimo stato di forma anche Luca Campogrande (18 punti per lui).

Ottima prova collettiva per Venezia, con 5 giocatori in doppia cifra. Top scorer per gli oro-granata il centro Isaac Fotu (19 punti con 5 rimbalzi). Positiva la statistica delle palle perse per la squadra lagunare, visto che ha perso soltanto 9 possessi nell’arco della partita. La differenza è stata fatta anche dalla differenza di profondità del roster e, in generale, dalla qualità dei giocatori che compongono i due roster. Infatti in casa Virtus Roma non era certo questa la partita per conquistare punti utili alla lotta alla salvezza.

Il tabellino del match

Parziali singoli quarti: 15-28, 28-24, 10-14, 18-23.

Parziali progressivi: 15-28, 43-52, 53-66, 71-89.

Reyer Venezia: M.Bramos 17, B.Cerella 4, A.De Nicolao 4, I.Fotu 19, S.Tonut 15, D.Casarin, J.Chappell 9, A.Daye 10, L.D’ercole 2, L.Possamai, J.Stone, G.Vidmar 10. Coach: Walter De Raffaele.

Virtus Roma: A.Beane 3, G.Robinson ne, D.Hunt 14, J.Wilson 15, T.Baldasso 16, L.Campogrande 18, R.Cervi 4, D.Hadzic, P.Nizza n.e, Y.Biordi 1, L.Farley. Coach: Piero Bucchi.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi