fbpx
Home Lega Basket A Olimpia Milano – Germani Brescia: l’Armani Exchange fa quello che vuole

Olimpia Milano – Germani Brescia: l’Armani Exchange fa quello che vuole

di Francesco Catalano

Al Mediolanum Forum di Milano, l’Olimpia asfalta la Germani Brescia in una gara che non è mai stata, nemmeno lontanamente, in discussione. Il risultato finale è stato di 87 a 56.

Coach Ettore Messina ha anche approfittato della gara iniziata fin da subito in discesa per fare riposare molti dei suoi senatori dopo le fatiche europee. L’Olimpia infatti venerdì sera ha subito la seconda sconfitta in Eurolega per mano degli spagnoli del Valencia. Unica nota negativa potrebbe essere quella relativa a Luigi Datome, che è stato in campo per soli 8 minuti a causa di un piccolo problema muscolare. Sembra comunque che il capitano azzurro si sia fermato in tempo in modo da poter limitare al massimo i danni. 

Olimpia Milano – Germani Brescia: le chiavi del match

Ad essere sinceri, non c’è molto da dire sull’andamento di una gara che non ha mai avuto scossoni ed è scivolata violentemente nelle mani dei padroni di casa fin dai minuti iniziali. Milano, infatti, ha fatto quello che voleva ed il meglio di sé lo ha dato in fase difensiva, in cui si è vista la mano di coach Messina.

Lasciare una squadra a 56 punti non è affare di tutti i giorni. A fine gara, infatti, i bresciani hanno chiuso con solo il 25% dall’arco e il 31.3% da due punti. Ma, anche in attacco, l’Armani Exchange non è stata da meno, soprattutto in virtù delle tanti armi offensive di cui dispone. Il top scorer di giornata è stato Shavon Shields che ha chiuso con 16 punti e 2 rimbalzi; lo hanno seguito a ruota Zach LeDay (15 con 5 su 7 dal campo e 7 rimbalzi) e Michael Roll (14 punti con 4 su 6 dall’arco). Messina, come detto, ha approfittato del risultato per concedere più minuti a chi per tutta la stagione ne aveva visti pochi: Moretti, Cinciarini e soprattutto Brooks e Biligha.

Invece, delude ancora ampiamente la Leonessa. Anche se ci si aspettava una sconfitta contro un’avversaria chiaramente superiore, non è accettabile il modo in cui questa sconfitta è avvenuta. La squadra di coach Vincenzo Esposito non è mai riuscita, nemmeno lontanamente, ad impensierire Milano e si è limitata a vedere trascorrere il cronometro nell’attesa del fischio finale. Un po’ poco per una squadra che sulla carta ad inizio stagione era valutata positivamente. Al momento i bresciani si trovano al penultimo posto della classifica con soli 4 punti.

Serve quanto prima una scossa. Nella gara di oggi gli unici che si sono salvati sono stati TJ Cline che ha confezionato 15 punti (5 su 11 dall’arco) e Christian Burns con i suoi 12 punti e 5 rimbalzi. Troppo poco, però, per una squadra che gioca anche a livello europeo e che non è l’ultima arrivata.

Il tabellino del match

Parziali singoli quarti: 23-9; 21-15; 28-13; 15-19

Parziali progressivi: 23-9; 44-24; 72-37; 87-56

Olimpia Milano: Z. LeDay 15, D. Moretti 8, V. Micov 8, M. Roll 14, S. Rodriguez 6, P. Biligha 5, A. Cinciarini 0, S. Shields 16, J. Brooks 7, K. Hines 8, L. Datome 0. Coach: Ettore Messina

Germani Brescia: A. Bertini n.e, TJ Cline 15, L Vitali 2, S. Parrillo 0, K. Chery 3, G. Bortolani 10, D. Ristic 0, C. Burns 12, D. Moss 6, B. Sacchetti 4, A. Ancellotti 4. Coach: Vincenzo Esposito 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi