Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Coach Malone sull’All-Star Game: “Partita più brutta mai giocata”

Coach Malone sull’All-Star Game: “Partita più brutta mai giocata”

di Filippo Beltrami

L’All-Star Weekend 2023 si è appena concluso e, come tutti gli anni, è stata la partita delle stelle a fare da padrone. Tiri da centrocampo, schiacciate spettacolari, uno contro uno. Tutto questo e altro ancora non è mancato alla vista dei tanti tifosi che hanno seguito l’All-Star Game. Alla fine di tutto, alla Vivint Arena di Salt Lake City, è stato il Team Giannis ad avere la meglio sul Team LeBron. Quello che però non è mancato anche questa volta è stata la poca intensità difensiva messa in campo dai giocatori. È vero che questa manifestazione ha sempre avuto un occhio particolare per quanto riguarda l’intrattenimento e la potenza degli attacchi delle due squadre, eppure, anche se solo verso la fine della gara quando il distacco nel punteggio era minimo, un po’ di difesa dalle superstar in campo ci veniva mostrata.

Quest’anno soprattutto la voglia di difendere è stata quasi pressoché nulla. E questo ha infastidito parecchio Michael Malone, coach del team LeBron e dei Denver Nuggets, il quale ha espresso tutta la sua indignazione nel post partita.” È un onore essere qui. È un onore far parte di questo grande weekend, con questi grandi giocatori. Ma questa è stata la più brutta partita di basket mai giocata.” A dire il vero qualcuno ha provato anche a difendere un po’ durante la gara, Joel Embiid e Kyrie Irving su tutti. Nonostante ciò Malone è comunque rimasto deluso dal livello di interesse di entrambe le squadre nel provare a difendere. “Hanno messo su uno show per i tifosi ma non mentirò, è stata una partita difficile da affrontare.”

Coach Malone non è stato l’unico ad uscirsene con queste affermazioni. Anche Stephen A. Smith, giornalista per ESPN, ha espresso la sua opinione riguardo l’All-Star Game. “Mi congratulo con coach Malone per aver evidenziato la flagrante mancanza di impegno,” ha detto Smith al programma “First Take” lunedì mattina. “Nel basket, nei campionati estivi e durante l’offseason giocano molto più duramente di quanto fatto ieri. Non c’è stato alcuno sforzo. In quello che dovremmo essere in grado di vedere, oltre alle schiacciate, non dovremmo essere in grado di vedere una partita di basket e sapere che chiunque può essere in campo con te in base allo sforzo che stai mettendo in mostra. È un atteggiamento arrogante e che da per scontati i fan.”

You may also like

Lascia un commento