fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsDetroit Pistons I Detroit Pistons riprendono gli allenamenti, senza Blake Griffin e Derrick Rose

I Detroit Pistons riprendono gli allenamenti, senza Blake Griffin e Derrick Rose

di Filippo Beltrami

È ricominciata la stagione dei Detroit Pistons con i primi allenamenti di squadra per le franchigie che non sono andate ad Orlando. Non tutti i giocatori sono presenti però. I due giocatori più importanti della franchigia Blake Griffin e Derrick Rose non sono con la squadra.

“Tutti i nostri giovani ragazzi sono qui. Derrick Rose e Blake Griffin non sono qui, cosa che è del tutto comprensibile,” ha detto coach Casey. “Entrambi si stanno allenando, non si tratta di niente dal punto di vista fisico. Sono entrambi al 100%. Blake si sta allenando a LA e Derrick fa avanti e indietro dalla città.”

Anche Christian Wood e Langston Galloway non si stanno allenando con i Pistons, dato che saranno free agent. Nonostante questo l’ex coach dei Raptors continua a mantenersi in contatto con entrami i giocatori. “Capisco perfettamente il perché non vengano ad allenarsi. Se fossi un free agent non ti alleneresti con una squadra con cui non sei sotto contratto.” Attualmente i Detroit Pistons hanno a disposizione 15 giocatori, includendo anche cinque della G League.

Coach Casey: “I Detroit Pistons non stanno ricostruendo”

Detroit avrà la settima scelta al draft 2020 che si terrà il 18 novembre e Casey e il nuovo general manager Troy Weaver stanno lavorando per cercare di riportare rilevanza alla città del Michigan, anche utilizzando i non proprio tradizionali metodi di valutare i prospetti nel bel mezzo di una pandemia.

Non stiamo davvero ricostruendo qui a Detroit,” ha detto Dwane Casey. “Penso che i nostri tifosi meritino tanto, quindi noi preferiamo usare delle parole come riorganizzare, ripristinare invece che ricostruire. Quindi non servirà molto tempo perché, se i nostri giocatori giovani migliorano nel modo in cui noi ci aspettiamo che lo facciano, non dovrebbe essere una riorganizzazione troppo lunga. In più, nel caso riuscissimo a prendere il giusto free agent, il processo sarà ancora più corto.” 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi