fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Sacramento Kings un inizio da dimenticare, Walton: “Questi non siamo noi”

Sacramento Kings un inizio da dimenticare, Walton: “Questi non siamo noi”

di Bucci Lorenzo

Inizio di stagione pessimo in casa Sacramento Kings. Dopo le due sconfitte con Phoenix Suns e Portland Trail Blazers, è arrivata anche la terza sconfitta su tre partite giocate contro gli Utah Jazz di Donovan Mitchell e compagni.

Determinante l’ottima gara da parte di Bojan Bogdanovic, autore di 26 punti con 5 triple messe a segno. “E’ fantastico vederlo sorridere e tornare a giocare“, queste le parole del suo compagno Donovan Mitchell, “Lui crea gioco. Fa molto con e senza palla. Riceve molte attenzioni dalle difese avversarie e ciò ci rende tutto più facile.” Per i Kings gli unici in doppia cifra sono Dewayne Dedmon e Bogdan Bogdanovic, rispettivamente con 11 e 10 punti a referto. Il tutto condito da 39 palle perse di squadra.

Sono molte le cose da sistemare per coach Luke Walton, a partire dai punti subiti: ben 359 in 3 partite, contro gli appena 288 punti segnati. Altro dato preoccupante è lo scarto medio che corrisponde a circa 23 punti contro squadre più o meno alla pari.

De’Aaron Fox, 20 anni, alla terza stagione ai Kings

Sono tante le accuse nei confronti di Walton, su tutte la mancanza di leadership e la poca preparazione tecnica. In più durante la partita di inizio stagione, persa per 124 a 95 con i Suns, l’ex allenatore dei Lakers ha perso un’ottima pedina nel suo scacchiere: stiamo parlando di Marvin Bagley III che si è rotto il pollice della mano destra e rimarrà fuori per circa 4-6 settimane. Prima della partita contro Portland, l’allenatore aveva parlato così del giocatore: “Marvin è un pezzo importante del nostro futuro, e ha bisogno di tempo per migliorare. Per farvi capire che ragazzo è, sta mattina era presente all’allenamento nonostante si fosse rotto la mano appena due giorni fa“.

Non può essere una scusante per i Kings, che nelle prossime partite dovranno provare a tornare l’ottima squadra che abbiamo visto l’anno scorso, visto che i giocatori e il potenziale tecnico ci sono. Vedremo, dunque, se basterà un po’ più di tempo a Luke Walton per far “risorgere” questi Sacramento Kings: “Questi non siamo noi, è stata un’esibizione imbarazzante da parte di tutti. Allenatori compresi“.

Per fortuna, il leggendario account twitter della squadra rimane ottimista…

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi