AD7

Celtics vs Cavaliers, i numeri della franchigia di Boston

Al via questa sera le finali di conference: si parte con gara 1 tra Cleveland e Boston, al TD Garden

Celtics vs Cavaliers, gioco di squadra, anzi squadra, contro singolo. Da un lato Boston, una franchigia storica, che sta tornando alla ribalta, con due finali di conference consecutivamente raggiunte, dall’altro Cleveland franchigia invece mai vincente, salita alla ribalta grazie ad un solo giocatore, LeBron James.

stats corner
Young core NBA

Celtics vs Cavaliers: i numeri di Boston 

Si parte, come detto alle ore 21.30: andiamo a vedere i temi caldi i numeri caldi in casa bostoniana.

• I Celtics stanno inseguendo l’accesso alle Finals che manca dal 2010. Quell’anno sconfissero i Cavaliers nelle semifinali della Eastern Conference, ponendo fine alla prima esperienza a Cleveland di LeBron James.

• L’head coach di Boston, Brad Stevens, ha gestito la serie contro i 76ers da manuale, riuscendo a limitare i punti di forza in attacco degli avversari, e costringendoli ad affrontare situazioni complicate in difesa. Stevens è stato lodato dai colleghi per le sue scelte e per gli schemi proposti, che risalgono agli anni da allenatore universitario a Butler. Dopo aver concluso la sua prima stagione a Boston con 25 vittorie e 57 sconfitte (2013-2014), i Celtics hanno migliorato ogni anno il numero delle gare vinte: 40-48-53-55.

 • Terry Rozier, che sta sostituendo Kyrie Irving in quintetto, continua a brillare. Il ventiquattrenne viaggia ad una media di 18.2 punti a partita in questi playoff, al cospetto degli 11.3 della regular season. Rozier è solo l’ultimo dei giocatori scelti dal GM Danny Ainge al di fuori del Draft destinato, con tutta probabilità, a lunga carriera in NBA.

 • Il rookie dei Celtics Jayson Tatum ha segnato almeno venti punti in sette partite consecutive dei playoff, realizzando la seconda striscia all-time per un rookie NBA, a pari merito con Donovan Mitchell di Utah. Il record, pari a 10 partite, appartiene a Kareem Abdul-Jabbar (1970). Il ventenne Tatum sta registrando 18.8 punti di media a partita nei playoff, mentre in stagione regolare viaggiava a 13.9.

 • Durante le Conference Finals della scorsa stagione, l’allora ventenne Jaylen Brown è stato gettato nella mischia per alternarsi in difesa su LeBron James. Brown, che nella sua seconda stagione NBA ha sensibilmente migliorato il suo apporto offensivo, continua a brillare nella metà campo difensiva. Dopo aver subito un infortunio al bicipite femorale contro i 76ers, ha terminato la serie alla grande, segnando 24 punti con un 10 su 13 al tiro in gara 5.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.