PJ Tucker, l’anima difensiva degli Houston Rockets

PJ Tucker è pronto!

PJ Tucker è l’anima difensiva di questa squadra, pochi giri di parole. E’ fenomenale in ogni aspetto difensivo del suo gioco. Adesso questi Houston Rockets ci credono per davvero. E ci credono non solo perché si trovano ad una partita dall’eliminare i Golden State Warriors, ma anche perché hanno vinto senza affidarsi solo in modo cieco al tiro di James Harden o alle accelerazioni di Chris Paul. Lo stanno facendo nell’unico modo possibile: giocando di squadra e con otto-nove uomini capaci di dare il massimo per sfruttare i punti deboli di quelli della Baia. Rotazioni ora limitare come in gara 4 a sette uomini. Da PJ Tucker a Green passando per Gordon.

James Harden ieri ha fallito tutti i primi undici tiri da tre. Sommando questi alle nove triple (tutte sbagliate) del finale di Gara-4, Harden ha tirato 0-20 da fuori il perimetro. E Chris Paul non stava affatto andando meglio, visto che all’intervallo il suo tabellino segnava 0-7 dal campo.

Il fatto è che il gioco e il ritmo di Houston è tanto estremo da creare queste situazioni terribili in attacco ma poi da riuscire comunque a far ritrovare il ritmo alle sue stelle. Dove è stata fatta la vera differenza è in difesa. Golden State non sta riuscendo a giocare come suo solito e la palla è molto più ferma in attacco. Tanto per dare un’idea, i Warriors stanno passando la palla in questa serie 78 volte in meno rispetto alla serie con i New Orleans Pelicans e 59 volte in meno rispetto alla Regular Season.

Per gara-6 Chris Paul sarà ot visto che è uscito infortunato subendo i trattamenti dei fisioterapisti e medici texani: problema al bicipite femorale, rivalutato in caso di gara 7.  La speranza -qualunque squadra si tifi- è che faccia parte della contesa e al meglio della sua forma. Questa serie è di una bellezza rara e tutti devono essere al loro meglio. Noi spettatori ce lo meritiamo.

In sua vece in gara 6 potremmo vedere Gordon in quintetto, con le rotazioni allungate (ridotte ad ora a 7 uomini) per cercare di trovare giocatori utili dalla panchina magari. Difficile però aspettarsi grandissime cose, ci saranno più minuti per Green, più pressione per Gordon e non solo. Ci si attenderà tanto, ma tanto anche offensivamente dal vero valore difensivo del team. Chi? PJ Tucker

stats corner

 

PJ Tucker, effetto difensivo…

Che razza di fenomeno difensivo è PJ Tucker?Sporca ogni passaggio, lotta come un leone a rimbalzo offensivo, cambia e tiene KD, Curry, Green chiunque capiti. È uno dei SEGRETI di Houston.

Energia allo stato puro. Quello che voleva D’Antoni facendo follie economiche per avere Iguodala da free agency, lo sta facendo il numero 4 degli Houston Rockets 
3-2 Houston.

Serie veramente pazzesca: Gara 6 Win or Go Home per i Warriors. Chi lo avrebbe mai detto dopo gara 1 è soprattutto dopo gara 3?

  • 126-85 in gara 3.
  • Poi scatta qualcosa: 95-92 e 98-94 in gara 4 e gara 5

Ora senza Chris Paul infortunato servirà agli Houston Rockets una prestazione super, richiesti straordinari offensivi a PJ Tucker che dovrà mettere ogni canestro pesante che avrà tra le mani e farsi trovare in ritmo. Non sarà facile, ma Houston vuole stupire ancora…