West Coast cities nicknames – I soprannomi delle città dell’NBA | Nba Passion
80155
post-template-default,single,single-post,postid-80155,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

West Coast cities nicknames – I soprannomi delle città dell’NBA

West Coast cities nicknames – I soprannomi delle città dell’NBA

Yin e Yang. Est e Ovest. O meglio, come le chiamano loro East and West.

Nella scorsa puntata abbiamo visto i soprannomi della città della costa orientale, mentre oggi ci concentriamo sulla costa più cool degli Stati Uniti. Ecco a voi i nickname più strani, improbabili e divertenti delle città che ospitano le franchigie della West Coast.

Southwest Division

Dallas aka City of Hate

Chissà cosa ne pensano a Philadelfia, ma tra queste due città ci starebbe bene un feud degno della WWE. L’origine del sopprannome di Dallas, però, è piuttosto triste: nacque il 22 Novembre 1963, grazie (o sarebbe meglio dire per colpa) dell’ex militare Lee Harvey Oswald, omicida del forse più amato Presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy. Alcuni invece fanno riferimento al periodo segregazionista, per via delle durissime lotte razziali (mai del tutto sopite). Oggi Dallas è conosciuta per il petrolio, per un tedesco pazzo e poco altro.

Houston aka Clutch City

1994, Playoff NBA. I Rockets, dominanti grazie ad un Olajuwon da sogno (non per niente viene chiamato “The Dream”) faticano in postseason. Perdono in casa le prime due gare contro i Suns, salvo poi passare il turno in gara 7. Il copione si ripete a New York, quando sotto di tre gare a due, riescono poi a conquistare l’anello. Cluth City, dunque, dove le imprese impossibili diventano realtà.

Memphis aka Grind City

Il basket, come quasi ogni sport, ha regole fisse, ma il gioco è interpretabile in mille modi diversi: c’è chi martoria la retina tirando minimo da 8 metri, chi mette a repentaglio tutti i ferri della Lega, chi muove la palla così velocemente da renderla invisibile, chi considera la partita domenicale alla stregua di una rissa di quartiere. E poi ci sono i Grizzlies. Per loro giocare sul parquet equivale ad una battaglia in trincea, portare gli avversari giù, tra sangue ed escrementi a giocare il proprio piano partita, fatto di ritmi lenti, lotta su ogni pallone, pochi passaggi. Questo è Grind. E questa è Grind City.

New Orleans aka NOLA

Nulla a che fare con l’omonimo comune campano, è invece acronimo (banale) per “New Orleans, Louisiana”. E’ nota per la musica jazz, la cucina creola  e per essere stata completamente devastata dall’Uragano Katrina. Nonché per aver ospitato il furto più clamoroso della storia.

San Antonio aka Alamo City

Fort Alamo è nato come insediamento spagnolo per diffondere la religione cristiana e, in generale, la cultura iberica ai nativi americani. Nel diciannovesimo secolo è diventato una fortezza militare, luogo di feroci battaglie, tra le quali la famosa “Battaglia di Alamo”, tra la Repubblica del Texas ed il Messico. San Antonio è anche conosciuta per la popolazione espansiva e loquace. VAI AL PROSSIMO>>>

Pages ( 1 of 3 ): 1 23Next »
Andrea Badiali
andbad@iol.it
No Comments

Post A Comment