fbpx
Home Eurobasket Eurobasket 2017: Islanda, da “squadra simpatia” a realtà

Eurobasket 2017: Islanda, da “squadra simpatia” a realtà

di Mirko Pellecchia

L’Islanda si presenta ad Eurobasket 2017 con un precisissimo scopo: non essere solo la “squadra simpatia”. Nella passata edizione, infatti, gli islandesi non riuscirono a vincere neanche una partita, nonostante i match contro Germania, Italia e Turchia fossero stati a lungo in bilico. Tutti presero a cuore questa nazionale, a caccia della prima vittoria della sua storia nella fase finale di un Europeo, ma fu tutto inutile.

Le sconfitte contro Serbia e Spagna furono invece disastrose, con un passivo totale di 55 punti. Quelle però erano due corazzate, che finirono rispettivamente quarta e prima: era difficile fare di più.

 

IL PERCORSO DELL’ISLANDA

L’Islanda si è qualificata per l’Europeo dopo essere arrivata seconda nel girone qualificatorio giocatosi a settembre 2016. Le sue avversarie furono Svizzera, Cipro e Belgio, contro cui i nordici racimolarono quattro vittorie e due sconfitte. L’ultima vittoria contro i fiamminghi, vincitori del girone, fu particolarmente importante perchè consentì agli islandesi di staccare Cipro in classifica.

A fare la differenza fu Baeringsson, che chiuse il girone con 13.3 punti di media, conditi da 4.2 rimbalzi e 4.2 assist. La squadra chiuse invece con 77.7 punti di media, ottenuti nonostante il 34% da 3 su 8.8 tentativi a partita ed il 66% ai liberi.

Due ani fa il sorteggio fu decisamente malevolo con i nordici: Serbia, Spagna, Turchia, Italia e la Germania padrona di casa. Quest’anno le cose sono andate un pochino meglio. Ci sono sempre due big, Francia e Grecia, ed una possibile outsider come la Slovenia. Le sfide contro Finlandia e Polonia possono invece essere alla portata dell’Islanda e portarla ad una clamorosa qualificazione agli ottavi.

 

ANCORA NON SI CONOSCONO I CONVOCATI

Qui trovate i giocatori che hanno fatto le qualificazioni. Non è ancora uscito l’elenco ufficiale, è quindi difficile dire con esattezza chi vedremo in campo, anche se è facile ipotizzare che rivedremo più o meno gli stessi che hanno portato la nazionale fino a qui.

Chiunque verrà chiamato in causa dovrà essere pronto a dare tutto. Il movimento cestistico islandese è in grande crescita: gli isolani vogliono mostrare i loro progressi al grande pubblico. Europa preparati: stai per essere investita da un geyser.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi