Home Eurolega La Virtus Bologna lotta ma cede il passo al Real Madrid

La Virtus Bologna lotta ma cede il passo al Real Madrid

di Alessandro Bisetto
Virtus Bologna Real Madrid. Fonte immagine: Eurosport.

Terzo ko casalingo in Eurolega per la Virtus Bologna dopo il ko per 74-89 della Segafredo Arena contro il Real Madrid nel Round 29 della competizione continentale. Gli ospiti interrompono in questo modo l’anomala crisi di risultati in campo internazionale in seguito alle tre sconfitte consecutive (Milano, Pana e Fener) del recente periodo. Le Vu Nere si staccano, invece, momentaneamente in graduatoria dalla coppia formata da Olympiakos e Fenerbahce e sono costrette a guardarsi le spalle dal ritorno prepotente di Maccabi Tel Aviv e Baskonia nella corsa al sesto posto.¬†

Virtus Bologna-Real Madrid: l’analisi del match

Poco da recriminare per la compagine bolognese al di l√† di una serata difficile al tiro pesante (4/19) contro un Real Madrid concentrato in difesa fin dalla palla a due e abile a oscurare le bocche da fuoco dei padroni di casa. Troppo lo strapotere mostrato dagli uomini di coach Mateo sulle due met√† campo. Non basta la reazione d’orgoglio di marca Virtus a cavallo tra terzo e quarto parziale, tale da riportare Shengelia a soci a due possessi di distanza dal Real sul 64-69.¬†

Un parziale di 8-0 cancellato dai sei punti in fila in penetrazione di un Facundo Campazzo fino a quel momento lontano dalle redini della gara. La fisicit√† dei Blancos paga dazio vicino ai tabelloni garantendo agli ospiti numerosi extra possessi (13 i rimbalzi offensivi sui 39 totali catturati) e infinite soluzioni spalle a canestro. Gli spagnoli chiudono la propria prova sfiorando il 64 % da due e triplicando gli avversari alla voce triple a bersaglio (11). Da segnalare, infine, il 14/14 dalla lunetta, una sorta di tassa supplementare sull’economia del match.¬†

Pesante, senza dubbio, l’assenza tra le fila bolognesi di Daniel Hackett, perno carismatico e tecnico di un roster che ha pagato le rotazioni risicate in cabina di regia. L’occhio di riguardo riservato alle uscite dai blocchi di Belinelli e ai movimenti vicino a canestro di Shengelia da parte della difesa ospite ha creato non poche difficolt√† a un attacco costretto, sempre o quasi, a soluzioni forzate e dispendiose. Coach Luca Banchi ha richiamato, in merito, il concetto di fiducia al tiro in una serata che su questo fondamentale ha mostrato due realt√† a tratti inavvicinabili, per grosso merito del lavoro fatto dagli ospiti.

Poirier e Yabusele trascinano un Real che frena l’irruenza virtussina

A livello individuale il duo transalpino mette a referto, rispettivamente, 15 e 14 punti abbinati a 8 e 7 rimbalzi. Per l’ala classe 1995, in particolare, la serata della Segafredo Arena si chiude con un 6/7 al tiro ai limiti della perfezione. Campazzo, Hezonja e Musa completano il club della doppia cifra per il Madrid. Lato Virtus da segnalare la prova tutto carattere di Isaia Cordinier (12 e 8 rimbalzi) malgrado l’uscita anticipata per cinque falli a causa dell’antisportivo fischiato ai suoi danni nel finale. Lundberg prova a prendersi per mano la squadra, ma incappa nella comune serata storta al tiro. Manca, come detto, l’apporto di Marco Belinelli cos√¨ come quello di Shengelia.

Il tabellino della gara

Parziali singoli quarti: 15-23; 16-21; 21-17; 22-28

Parziali progressivi: 15-23; 31-44; 52-61; 74-89

Virtus Bologna: Cordinier; Lundberg; Belinelli; Pajola; Dobric; Lomazs; Shengelia; Mickey; Polonara; Zizic; Dunston; Abass. Coach: Luca Banchi.

Real Madrid: Abalde; Campazzo; Gonzalez; Hezonja; Alocen; Deck; Poirier; Tavares; Llull; Yabusele; Ndiaye; Musa. Coach: Chus Mateo.

You may also like

Lascia un commento