Home Lega Basket ABasket mercato A Nutribullet Treviso, doppio colpo: Robinson e Olisevicius

Nutribullet Treviso, doppio colpo: Robinson e Olisevicius

di Alessandro Bisetto
Nutribullet Treviso firma Justin Robinson

I rinforzi dal mercato a lungo richiamati in casa Nutribullet Treviso si materializzano con gli ingaggi di Justin Robinson e Osvaldas Olisevicius.

Il playmaker classe 1995 ha giĂ  calcato i parquet del massimo campionato italiano con i colori della Carpegna Prosciutto Pesaro nella stagione 2020-21 viaggiando a 12.5 punti, e 4.8 assist di media in 28 apparizioni. Al nativo di Kingston, New York, saranno affidate le chiavi di una squadra che ha il disperato bisogno di mettere ordine ad una fase offensiva senza padroni.  L’arrivo di Robinson dovrebbe comportare, giocoforza, la partenza di  Deishuan Booker, da tempo nell’occhio del ciclone per una serie di prestazioni particolarmente negative, compresa quella vista domenica scorsa tra le mura amiche del Palaverde e coincidente con la sconfitta rimediata contro la GeVi Napoli.

Avventura italiana che accomuna anche l’altro nuovo volto della Nutribullet. Olisevicius, ala pura di 200 centimetri classe 1993 arriva dall’UNAHOTELS Reggio Emilia, malgrado una prima parte di stagione da separato in casa.  Il lituano, infatti, ha rescisso anzitempo il contratto che lo legava ai biancorossi fino a giugno 2024 per cercare la redenzione in quel di Treviso nel tentativo di ripercorrere il buon cammino risalente suo primo anno in Italia. Numeri vicini ai 16.2 punti,4.6 rimbalzi in 28 minuti di media sul parquet, ottenuti peraltro con percentuali che superano il 45 % da due e il 35 % da tre.  Olisevicius vestirĂ  la canotta numero 31 e come Robinson farĂ  il suo esordio con i nuovi colori domenica prossima in quel di Pesaro.

Nutribullet Treviso, le prime dichiarazioni di Robinson e Olisevicius

Il nuovo numero 12 di Treviso, 173 centimetri per 79 chilogrammi arriva da un’esperienza non particolarmente entusiasmante in Turchia con lo Yukatel Merkezefendi. Una parentesi conclusa dopo un paio di mesi, con il giocatore che nelle ultime settimane è tornato negli USA per ultimare le pratiche necessarie al ritorno in Italia. Robinson è un prodotto dell’universitĂ  di Monmouth, college frequentato per quattro anni prima di un lungo girovagare europeo. 

Avtodor in Russia, Chalon (biennio) e Gravelines in Francia, Bamberg in Germania. Questo il viaggio dell’esterno americano, al quale si aggiungono le giĂ  citate tappe di Pesaro e, appunto, Merkezefendi. Con i colori della Carpegna Prosciutto, in particolare, Robinson ha raggiunto una splendida finale di Coppa Italia da protagonista, realizzando, rispettivamente, 27 e 23 punti contro Sassari in quarti e Brindisi in semifinale. Una manifestazione chiusa con la sconfitta per opera della corazzata Olimpia Milano. 

Questo un estratto con le prime parole del giocatore americano al suo arrivo nella Marca. “E’ la seconda volta che gioco in Italia dopo l’esperienza di Pesaro e sono molto carico per questa nuova avventura nel vostro paese. E’ la prima volta che cambio squadra in corso di stagione, so che la squadra di Treviso ha avuto un inizio sfortunato, sono qui per dare una mano a migliorare le cose e per iniziare a vincere. Mi ritengo un giocatore di leadership e intelligenza in campo, mi piace mettere in ritmo i compagni, dare assist e giocare con energia e intensitĂ . Posso tirare da fuori, ma quello che preferisco è far giocare la squadra. L’esordio proprio a Pesaro? Coincidenze che capitano nello sport, sono contento di tornare lì dove ho avuto una bella stagione e solo ricordi positivi, ma adesso siamo avversari e andremo a Pesaro solo con l’obiettivo della vittoria”.

Esperienze in patria e in Germania per Olisevicius prima del suo arrivo in Italia

L’esperienza di Wurzburg e l’annata 2021 con il Beyreuth rappresentano una sorta di unicum nella carriera lituana di Olisevicius antecedente all’arrivo nel Bel Paese. L’esordio nell’Akademia di Vilnius e le successive apparizioni con Trakai e BC Pieno Pasvalys anticipano l’esplosione al Neptunas Klaipeda, squadra con cui l’ala di Treviso ha peraltro vinto una Lega Baltica nel 2018. Il buon lavoro in Germania gli vale la chiamata di Reggio e la nuova avventura in corso d’opera con la Nutribullet.

Queste le parole del classe 1993 al suo primo allenamento ufficiale con i nuovi colori. “Non vedo l’ora di tornare in campo con la mia nuova maglia e cercare di dare il mio contributo a risollevare la situazione di Treviso Basket. Una situazione molto simile l’ho vissuta lo scorso anno nella prima parte della stagione con Reggio Emilia, poi però siamo “sopravvissuti” ed è andata bene. Speriamo anche stavolta che le cose possano andare in questo modo, l’importante è non deprimersi, non abbattersi e guardare avanti lavorando insieme, dando tutti del nostro meglio per sbloccare i risultati che mancano”.

You may also like

Lascia un commento