fbpx
Home Lega Basket AFortitudo Bologna Speranza Henry Sims: c’è ottimismo in casa Fortitudo

Speranza Henry Sims: c’è ottimismo in casa Fortitudo

di Filippo Mellara

Arrivano buone notizie per la Fortitudo Bologna per quanto riguarda Henry Sims, il centro statunitense acquistato per la stagione 2018/19. La radiografia di controllo a cui si è sottoposto il pivot due giorni fa ha avuto un esito positivo e rincuorante per la società: tolto il tutore alla mano i medici hanno diagnosticato altri quindici giorni di riposo prima di poter partecipare nuovamente alla parte dell’allenamento con contatti di gioco.

Sims aveva riportato una frattura scomposta alla mano destra il 14 settembre scorso, in seguito a un pugno sferrato al traliccio del canestro a gioco fermo, durante un’amichevole a La Spezia giocata contro Pistoia.  Il ritorno sul parquet del pivot americano segnerebbe un momento di possibile svolta per il roster di coach Antimo Martino, il quale per ora non gode della presenza di un centro importante capace di dominare sotto canestro, carenza evidente anche nella partita contro Varese durante la quale la Pompea ha sicuramente concesso troppi rimbalzi (34, di cui 11 offensivi).

Fortitudo Bologna

Stefano Mancinelli

Henry Sims è un giocatore di grande forza, efficienza ed atletismo in entrambe le metà campo, qualità per le quali la Fortitudo ha deciso di acquistare il miglior rimbalzista e stoppatore (e tra i migliori marcatori) della scorsa stagione di A2. Sims conosce bene il basket italiano, avendo giocato prima con Cremona e poi con la Virtus Roma. Ed è proprio con quest’ultima che ha affrontato la Fortitudo nelle finali di playoff concludendo con 20 punti a referto il primo match e 31 nel secondo.

Il centro ha alle spalle anche una prima brevissima esperienza nella NBA (2 partite con i New Orleans Hornets) prima di concludere l’anno nel campionato filippino. Nel 2013 era tornato in madrepatria firmando dapprima con i Cleveland Cavaliers, con i quali ha collezionato 20 presenze, concludendo però la carriera ai Philadelphia 76ers con i quali ha invece collezionato 26 presenze a partire da febbraio. Il rientro di Sims da questo sfortunato infortunio porterà alle Aquile, oltre evidenti maggiori centimetri, anche la speranza di avere una squadra competitiva contro qualsiasi avversario.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi