fbpx
Home Lega Basket ADolomiti Energia Trento Reyer Venezia-Dolomiti Energia Trento: il recap

Reyer Venezia-Dolomiti Energia Trento: il recap

di Alessandro Minola

Uno dei due posticipi della domenica sera di Lega Basket Serie A, quello tra Reyer Venezia-Dolomiti Energia Trento, si è concluso con la vittoria dei campioni d’Italia. Partita godibile per tre quarti, poi i padroni di casa hanno alzato il livello della loro difesa e i trentini non sono più stati in grado di segnare con continuità.

Reyer Venezia-Dolomiti Energia Trento: recap del match

Nel primo tempo di Reyer Venezia-Dolomiti Energia Trento, la squadra di casa fatica un po’ su entrambi i lati del campo e Trento, in particolare con Alessandro Gentile, sfrutta le incertezze della Reyer, ma non è in grado di scavare un divario che possa garantire sicurezza. Grazie alle giocate di Ike Udanoh Venezia è rimasta in partita (37- 37 alla fine del primo tempo). Alla lunga ciò ha punito i trentini, che a partire dal finale di terzo quarto hanno iniziato a soccombere sotto i colpi di Mitchell Watt e compagni. Fatali sono state un paio di triple di Ariel Filloy, che hanno creato un gap che poi è andato allargandosi col passare dei minuti. Nonostante i lampi nel finale di James Blackmon, i veneti hanno vinto comunque con 10 punti di distacco (79- 69 il finale).

Reyer Venezia-Dolomiti Energia Trento: qui Venezia

Le assenze di Stefano Tonut Gaspar Vidmar inizialmente si sono fatte sentire eccome, soprattutto in difesa. Infatti la Reyer nei primi tre quarti non è riuscita ad esprimere la consueta solidità difensiva e ciò ha permesso a Trento di rimanere in partita fino al terzo quarto. Non hanno avuto un buon approccio alla partita due giocatori solitamente efficacissimi per i veneziani, ossia Michael Bramos Jeremy Chappell: per il primo -5 di valutazione, frutto di un pessimo 1/9 al tiro in 25 minuti in campo; per il secondo solo 2 punti, anch’essi frutto di una pessima performance al tiro. Hanno invece eseguito il loro compito alla perfezione Julyan Stone Austin Daye. Luci e ombre per quanto riguarda la prestazione di Mitchell Watt: per lui 16 punti e 8 rimbalzi, ma anche 7 palle perse. MVP del match Ike Udanoh, di ritorno dopo 2 mesi di assenza, che segna 11 punti, cattura 6 rimbalzi ma tiene viva la Reyer in momenti in cui avrebbe potuto soccombere ai colpi di Alessandro Gentile.

Qui Trento

La partita Reyer Venezia-Dolomiti Energia Trento ha confermato per l’ennesima volta i limiti della squadra trentina. Stavolta la difesa sembrava fosse efficace, poi ha però ceduto. Ma il problema che ha portato alla sconfitta è stato un altro: alcuni dati balzano subito agli occhi, come ad esempio i soli 2 punti su 69 complessivi provenienti dalla panchina. Trento infatti, offensivamente parlando (e non solo), non ha avuto nulla da Fabio Mian, Davide Pascolo e George King. Gli unici due punti di cui si è parlato in precedenza sono arrivati da Rashard Kelly, il quale ha ottenuto un -5 di valutazione in 18 minuti sul parquet. Apprezzabili le prestazioni di James BlackmonJustin Knox, il quale però ha perso la sfida sotto i tabelloni con Watt.

Veniamo ora alle poche note positive della serata di Trento: Alessandro Gentile ha mostrato di essere impegnato a cambiare il suo modo di giocare, visto che nelle vesti di playmaker cerca di dirigere la squadra e non monopolizza troppo il possesso della palla. Ha inoltre confermato di essere un realizzatore sopraffino e ha dato anche qualche segnale positivo in difesa. Andrea Mezzanotte ha disputato un’ottima partita, soprattutto a livello offensivo. Oltre alla consueta buona mira dall’arco, ha dimostrato di potersi procurare tiri liberi attaccando in palleggio.

Per gli altri recap della decima giornata di Lega Basket Serie A clicca qui

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi