Pagelle della NBA free agency 2019: Central Division | Nba Passion
143953
post-template-default,single,single-post,postid-143953,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Pagelle della NBA free agency 2019: Central Division

Central Division

Pagelle della NBA free agency 2019: Central Division

In questa serie in collaborazione con NBA Anatomy ed NBAPassion, andremo ad analizzare i movimenti e le operazioni di mercato delle varie squadre e le valuteremo. Quest’anno la free agency è stata ricca di sorprese ed ha stravolto il massimo campionato di pallacanestro al mondo. Entriamo subito nel merito delle nostre analisi ed andiamo ad analizzare il mercato delle franchigie della Central Division: Chicago Bulls, Cleveland Cavaliers, Detroit Pistons, Indiana Pacers e Milwaukee Bucks.

CHICAGO BULLS

Il mercato dei Chicago Bulls è stato silenzioso, privo di grandi colpi e stravolgimenti. Il draft è stato l’evento più importante i Bulls, che hanno selezionato con la chiamata numero 7 Coby White da North Carolina.

Durante la free agency i Bulls hanno fatto parlare poco di sé, eccezion fatta per la firma dell’ex Pacers Thaddeus Young. A Chicago sono arrivati anche la guardia Tomas Satoransky ed il lungo Luke Kornet, oltre a Daniel Gafford, ala da Arkansas pescata alla numero 38 del draft 2019.

POSSIBILE QUINTETTO TITOLARE: Kris Dunn/Coby White, Zach LaVine, Otto Porter Jr, Thaddeus Young\Wendell Carter Jr, Lauri Markkanen

VOTO MERCATO: 6.5


CLEVELAND CAVALIERS

Nessun movimento durante la free agency per i Cleveland Cavs, presenti però al draft NBA con ben tre scelte al primo turno.

Con la chiamata numero 5 il gm Koby Altman ha selezionato Darius Garland, point-guard da Vanderbilt che nei piani di coach Beilein giocherà al fianco di Collin Sexton.

Alla numero 26 è stato il turno di Dylan Windler da Belmont mentre con la 30esima chiamata assoluta è arrivato l’ex USC Kevin Porter Jr. L’asse Sexton-Garland-Porter Jr rappresenta un altro passo avanti nella ricostruzione della squadra dopo la fine dell’era LeBron James, Koby Altman ha finora resistito dal considerare offerte per Kevin Love ed i suoi 3 anni di contratto ed il rinnovato staff tecnico agli ordini di coach Jim Beilein punterà sulla crescita di Larry Nance Jr (al suo primo anno di un’estensione quadriennale) e del macedone Cedi Osman.

POSSIBILE QUINTETTO TITOLARE: Collin Sexton, Jordan Clarkson\Darius Garland, Cedi Osman, Larry Nance Jr. e Kevin Love.

VOTO MERCATO: 5.5

Derrick Rose sta trovando una seconda giovinezza in uscita dalla panchina di Minnesota

DETROIT PISTONS

Al contrario di Bulls e Cavaliers, i Detroit Pistons sono stati molto attivi sul mercato. Al draft hanno puntato su Sekou Doumbouya, buona scelta con la chiamata numero 15, e ceduto la 30esima prima scelta proprio ai Cavs, scelta meno buona.

La trade più importante ha riguardato l’arrivo di Tony Snell dai Milwaukee Bucks in cambio di Jon Leuer. La free agency ha invece portato nella Motown Derrick Rose: l’MVP 2011 sostituirà Ish Smith (finito a Washington) un’ottima mossa che potrebbe contribuire alle chance di playoffs della squadra.

Altra importante firma è stata quella di Markieff Morris, utile innesto dalla panchina dopo una stagione deludente tra Washington Wizards e Oklahoma City Thunder. Il veterano Tim Frazier, contratto al minimo salariale, completa il roster agli ordini di coach Dwane Casey e ricoprirà il ruolo di terza point-guard.

Un mercato intelligente per i Pistons.

POSSIBILE QUINTETTO TITOLARE: Reggie Jackson, Bruce Brown, Luke Kennard, Blake Griffin e Andre Drummond.

VOTO MERCATO: 7.5

brogdon-pacers

Brogdon marcato da Klay Thompson

INDIANA PACERS

Una free agency fantastica ed una squadra potenzialmente molto competitiva, E’ questo l’esito della off-season degli Indiana Pacers.

Procediamo con ordine e partiamo dal draft, nel quale i Pacers hanno scelto con la chiamata numero 18 il georgiano Goga Bitadze, lungo versatile e prospetto davvero interessante. Il vero salto di qualità viene però dalla free agency.

Il colpo principale è stata la firma di Malcolm Brogdon, per 4 anni a 85 milioni di dollari complessivi. In sede di draft Indiana si è assicurata l’ala T.J. Warren attraverso uno scambio a tre team che ha coinvolto i Phoenix Suns. La seconda firma più importante è stata quella di Jeremy Lamb, che ha lasciato gli Charlotte Hornets per firmare un triennale da 30 milioni di dollari complessivi.

Oltre a Brogdon e Lamb, da sottolineare l’arrivo di T.J. McConnell e dell’ex Bulls Justin Holiday, che giocherà con il fratello minore Aaron, e l’estensione contrattuale della guardia al terzo anno Edmond Sumner.

Un grande mercato per Indiana, una squadra oggi molto pericolosa e che con il rientro della star Victor Oladipo potrebbe ritrovarsi a poter puntare molto in alto.

POSSIBILE QUINTETTO TITOLARE: Malcolm Brogdon, Jeremy Lamb\Victor Oladipo, T.J. Warren, Domantas Sabonis e Myles Turner.

VOTO MERCATO: 9

george hill

MILWAUKEE BUCKS

A Milwaukee poco è cambiato dalla scorsa stagione.

Jon Leuer, approdato ai Bucks in cambio di Tony Snell in un’operazione di alleggerimento salariale, è stato rilasciato. Per Milwaukee l’obiettivo principale di questa off-season è stato la riconferma di Khris Middleton e Brook Lopez, premiati dopo la grande stagione 2018\19 con due ricche estensioni contrattuali. Dopo la forzata rinuncia a Malcom Brogdon (per il quale la proprietà non è stata disposta ad entrare in territorio luxury tax), sono arrivate le firme “in famiglia” di Robin Lopez, gemello di Brook, e del fratello maggiore di Giannis Antetokounmpo, Thanasis.

Al confermatissimo George Hill ed al nuovo arrivo Wesley Matthews il compito di colmare il vuoto sui due lati del campo lasciato da Brogdon.

POSSIBILE QUINTETTO TITOLARE: Eric Bledsoe, Wesley Matthews, Khris Middleton, Giannis Antetokounmpo e Brook Lopez.

VOTO MERCATO: 6.5

Giorgio Seghezzi
nba.anatomy@gmail.com
No Comments

Post A Comment