fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationAll Stars Game Cosa ci lascia l’All Star Game?

Cosa ci lascia l’All Star Game?

di Gabriele Arico

E’ appena trascorso l’All Star Weekend ed è tempo per le franchigie di tornare a pensare alla regular season e agli ultimi giorni di mercato. Senza dubbio però ci sono diversi spunti che la sfida delle stelle ci ha lasciato; infatti, sia la partita che il post-gara hanno fatto e faranno parecchio discutere.

Andando più nello specifico, diamo una occhiata ai temi salienti di domenica notte.

I numeri della partita

Sono stati battuti diversi record questa notte.

Iniziamo dal miglior marcatore della gara, l’MVP Anthony Davis che ha realizzato 52 punti, 10 in più del detentore precedente Wilt Chamberlain, fermo a quota 42. Da notare che i due sono gli unici giocatori ad aver collezionato almeno 40 punti e 10 rimbalzi nella partita delle stelle. Inoltre è stato l’All Star Game con più punti di sempre, ben 374, cinque in più rispetto allo scorso anno.

Kevin Durant è il quarto giocatore nella storia di questa gara speciale a realizzare una tripla doppia (21 punti, 10 rimbalzi e 10 assist). Il suo nemico (chissà..), Russell Westbrook, con i 41 punti di stanotte, arriva a 113 punti totali negli ultimi 3 All Star Game (miglior punteggio considerando questo numero di partite), e per la terza volta raggiunge almeno quota 30, come Kobe Bryant. LeBron James ha segnato 23 punti, e con questi supera quota 300 considerando tutti gli ASG a cui ha partecipato: è il primo a riuscire in questo risultato.

 

Russell Westbrook schiaccia sull’assist del suo ex-amico KD

Quante schiacciate!

Sono state effettuate 75 schiacciate, 18 in più rispetto all’anno scorso. La particolarità di questa partita è indicata da questo dato: la gara con più schiacciate della regular season ’16-’17 è arrivata a quota 19, mentre il solo Davis questa notte ne ha realizzate 18.

Inoltre, di 162 tiri dal campo, 155 sono state schiacciate, lay-up o tiri da 3.

 

Cousins che raggiunge Davis ai Pelicans

E’ sicuramente la notizia della notte; ha fatto più rumore il post-partita che la gara in sè. Non ce ne voglia l’All Star Game e la sua spettacolarità (non apprezzata da tutti), ma la trade andata in porto stanotte è davvero una bomba di mercato. Le prospettive dei Pelicans adesso sono davvero alte, avendo in squadra due tra i lunghi più forti di tutta la lega. Rimangono solo due incognite:

  1. Quanto tempo impiegheranno le due super-star per trovare la giusta alchimia;
  2. Il comportamento di DMC.

Vedremo cosa succederà, ma sicuramente c’è una squadra in più da seguire in ottica PO.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi