Jabari Parker-Bulls: si cerca trade prima della deadline

jabari parker-Bulls

Il rapporto Jabari Parker-Bulls è arrivato ai titoli di coda. L’ex giocatore dei Milwaukee Bucks è fuori dalle rotazioni di Jim Boylen e il suo procuratore cerca la soluzione migliore per il suo futuro.

Jabari Parker-Bulls: contratto problematico

Ci sono situazioni che difficilmente sono risolvibili e quella tra Jabari Parker-Bulls è una di quelle. Il giocatore, per l’abbondanza di ali forti nel roster,  è rimasto ai margini del progetto con l’arrivo di Boylen sulla panchina dei Chicago Bulls.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jabari Parker (@jabariparker) in data:

Il classe ’95 scelto dai Milwaukee Bucks nel 2014 ha firmato in estate un contratto biennale da 40 milioni con i Bulls. La prossima stagione la squadra avrà un’opzione sul giocatore che difficilmente verrà esercitata. Questo contratto pesa sulla testa del giocatore che fatica a trovare una collocazione. Lui e il suo agente si stanno muovendo per una trade prima del 7 febbraio, ma il rapporto tra Jabari Parker-Bulls non facilita questa opzione.

Le squadre che si erano affacciate per il giocatore non hanno dimostrato interesse nel muovere le proprie pedine per un giocatore che il prossimo anno sarà free agent con ogni probabilità. I tanti infortuni nella sua breve carriera hanno minato la sua avventura NBA, nonostante l’ex Duke abbia dimostrato a sprazzi di avere talento. Per ben due volte è andato incontro alla rottura del legamento crociato anteriore.

Nelle trenta partite giocate in questa stagione, Jabari Parker ha messo a referto di media:

  • 14,9 punti
  • 6,8 rimbalzi
  • 2,2 assist
  • 45,1% FG

I New York Knicks erano tra i pretendenti per il giocatore, ma le piste si sono raffreddate momentaneamente.