Raptors, Siakam e Anunoby furono blindati nelle trattative con gli Spurs
139903
post-template-default,single,single-post,postid-139903,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Raptors, Siakam e Anunoby furono blindati durante le trattative con gli Spurs

Kyle Lowry

Raptors, Siakam e Anunoby furono blindati durante le trattative con gli Spurs

La scorsa estate i Toronto Raptors spedirono Demar DeRozan e Jacob Poetl a San Antonio, Texas, in cambio di Kawhi Leonard e Danny Green. All’epoca lo scambio sembrò un azzardo, per alcuni. Stavano rinunciando ad un buon giovane e al giocatore simbolo della squadra, per ottenerne uno che da una stagione intera stava lottando con un infortunio. Tuttavia, arrivati a questo punto della stagione, lo scambio si può definire un successo.

Soprattutto se considerate le voci recenti, secondo cui i Raptors si sarebbero rifiutati di inserire i giovani Pascal Siakam e OG Anunoby nella trattativa. Questo è quanto riportato da Tim Bontemps e Jackie MacMullan nel podcast “The Hoop Collective” di ESPN.

“Da quanto so, non lo avrebbero mai inserito nella trattativa.” Ha affermato Bontemps, parlando di Siakam.

“No, non era disponibile.” Ha confermato MacMullan, mentre altri report danno, come detto, come grande escluso dalle discussioni di scambio anche Anunoby.

Alla luce di quanto raggiunto dalla squadra fino ad oggi, e soprattutto della resa dei due giovani voluti a tutti i costi trattenere, si può definitivamente affermare, dunque, che l’executive Masai Ujiri abbia fatto davvero un affare. Mentre Siakam ha dominato gara 1 delle Finals, che i suoi Raptors hanno vinto contro i Golden State Warriors, Anunoby dovrebbe rientrare a breve sul parquet, durante la decisiva serie finale. Il giocatore ha infatti saltato tutta la postseason di quest’anno per un intervento d’urgenza di appendicite a cui si è dovuto sottoporre lo scorso aprile.

L’ala grande di Toronto, con la maglia numero 43, ha segnato 32 punti, afferrato 8 rimbalzi e servito 5 assist nell’ultima uscita dei suoi. Il tutto stabilendo diversi primati nelle Finals. Nei playoff sta viaggiando a medie da 19 punti, 7 rimbalzi e 1 palla rubata a partita.

Ora, più consapevoli di quanto di buono fatto dal proprio front-office, i Raptors saranno attesi dalla battaglia di gara 2 delle Finali NBA, che si terrà domenica notte.

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment