Ryan Saunders sarà l'Head Coach dei Minnesota Timberwolves
139259
post-template-default,single,single-post,postid-139259,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Ryan Saunders sarà l’Head Coach dei Minnesota Timberwolves

Ryan Saunders sarà l’Head Coach dei Minnesota Timberwolves

Dopo settimane di incertezza, durante le quali il nuovo presidente esecutivo Gersson Rosas aveva intervistato vari candidati, i Minnesota Timberwolves hanno ufficialmente un Head Coach. Si tratta di Ryan Saunders, che aveva concluso la scorsa stagione come Coach “Ad interim” per la franchigia. Come riportato da varie fonti, tra cui Jon Kraczynski, insider dei Wolves per TheAthletic.com, le parti sarebbero giunte alla definizione di un accordo. Si tratterebbe di un contratto pluriennale, come afferma Adrian Wojnarowski.

Il trentatreenne, che diventa così l’Head Coach più giovane della lega, aveva guidato Minnesota nelle 42 partite conclusive di questa annata. La squadra aveva fatto registrare un record di 17-25, ma Saunders ha riscosso la simpatia e l’approvazione di molti membri del roster. Probabilmente questo, e la sua forte abilità nello sviluppo dei giovani, hanno spinto la franchigia alla conferma di una figura con così poca esperienza.

Ryan è il figlio di Flip Saunders, compianto Head Coach, a sua volta, dei Timberwolves, che nel 1996/97 aveva condotto ai playoff per la prima volta nella loro storia.

Ora l’allenatore avrà l’intera offseason per lavorare con la squadra e provare a migliorare il record, comunque negativo, raggiunto dai suoi nella stagione appena conclusasi.

 

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment