Warriors, Steve Kerr spera in un ritorno di Shaun Livingston | Nba Passion
145950
post-template-default,single,single-post,postid-145950,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Warriors, Steve Kerr spera in un ritorno di Shaun Livingston

Warriors: forse Shaun Livingston avrebbe sperato in un miglior finale di carriera

Warriors, Steve Kerr spera in un ritorno di Shaun Livingston

In un’intervista concessa a Josh Schrock di NBC Sports l’allenatore dei Golden State Warriors, Steve Kerr, rivela di sperare in un ritorno del veterano, ora svincolato, Shaun Livingston.

Quest’estate la franchigia che ha perso le Finals contro i sorprendenti Toronto Raptors ha deciso di lasciar partire due dei giocatori più importanti della franchigia, Andre Iguodala e Shaun Livingston.

Questa mossa è stata effettuata per far sì che i Warriors riuscissero a firmare il candidato al premo “Most Improved Player” del 2019, D’Angelo Russell.

Ero preparato a questa decisione” così Kerr sulla scelta di tagliare Livingston, “E’ qualcosa a cui avevamo già pensato per via della sua età e della sua situazione contrattuale, ma ciò non vuol dire che non sia stato doloroso.”

Kerr Prosegue poi elogiando la persona che è Shaun anche al di fuori del campo: “E’ una di quelle persone che vuoi che ti stia vicino in ogni situazione. E’ intelligente, divertente e umile, è davvero una bella persona.”

Shaun Livingston approdo nella Baia nella stagione 2014-2015 dopo la breve esperienza con Brooklyn, ed è stato uno dei componenti che hanno portato i Golden State Warriors a vincere 3 titoli in 5 anni.

Livingston non è sicuramente quel tipo di giocatore che fa la differenza partendo nel quintetto titolare, ma ciò non vuol dire che sia inutile, anzi. Il suo apporto dalla panchina è sempre stato indispensabile grazie alla qualità delle giocate e al suo apporto sempre solido.

L’ormai 33enne sembra, secondo alcuni, stia pensando al ritiro piuttosto che continuare a giocare in un’altra squadra. Steve Kerr spera però che queste voci siano infondate e spera in un suo ritorno, anche in una veste diversa.

Federico Ferri
Freelight31@gmail.com
No Comments

Post A Comment