Klay Thompson: "Saremo ricordati da tutti per i nostri risultati"
97727
post-template-default,single,single-post,postid-97727,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Klay Thompson: “Creeremo la dinastia dei Warriors”

Klay Thompson: “Creeremo la dinastia dei Warriors”

I Golden State Warriors sono alla ricerca del loro terzo anello in quattro anni, il secondo consecutivo, e vogliono creare una dinastia, come in passato hanno fatto i Boston Celtics, Chicago Bulls, Los Angeles Lakers e più recentemente i Miami Heat.

In questi giorni i Warriors stanno giocando le loro partite di preaseason in Cina, dove hanno già ottenuto un livello di visibilità davvero notevole. In quel roster erano presenti due giocatori del livello di Michael Jordan e Scottie Pippen.

Dopo l’ultima partita giocata dai campioni della lega, è stato chiesto a Klay Thompson se questa squadra ha la capacità di vincere ben sei anelli in otto anni, come fecero i Chicago Bulls.

Sei campionati in otto anni? Siamo solo a un terzo di strada”. Dichiara la guardia tiratrice della squadra di coach Kerr ai microfoni ESPN. “Penso che non siamo lontani, certo abbiamo ancora tanto da fare ma penso che potremmo farcela”.

“Ogni volta che i Bulls sono venuti in città, era l’evento dell’anno, ora lo è quando arriviamo noi; questo gioco è imprevedibile, e nulla va dato per scontato. Raramente si gioca in uno stadio che non sia pieno, ogni partita è una emozione speciale. Credo che ancora non siamo al loro livello, ma a quello aspiriamo, noi vogliamo diventare una squadra che rimanga per sempre nella memoria di tutti”.

Sul paragone tra i Warriors e i Bulls Klay Thompson dice: “Solo essere paragonati a quella squadra è un onore, c’è sicuramente la motivazione, mi piacerebbe giocare con Michael Jordan e i suoi compagni di squadra. Ovviamente non è possibile, però c’è la volontà di lasciare quel tipo di eredità“.

Il coach dei Warriors, Steve Kerr, ha indossato la casacca dei Bulls negli anni 90 e vinto ben tre anelli in quella squadra che molti definisco la migliore di tutti i tempi. Infatti Kerr non è ancora pronto a paragonare la sua attuale franchigia a quella in cui ha giocato da ragazzo.

“Non possiamo avvicinare quello che abbiamo fatto con quello che hanno fatto i Bulls” ha detto il 52enne. “Con i Tori ho vinto sei campionati in otto anni, con i questi ragazzi ho vinto solo due volte in tre anni, il che è fantastico ma vogliamo vincere di più, visto che abbiamo la possibilità di far bene per diversi anni. Dobbiamo lavorare duro e avere anche fortuna. Faremo del nostro meglio e cercheremo di divertirci, sempre lavorando al massimo.”

I Warriors negli ultimi tre anni sono risultati quasi imbattibili, hanno sfornato prestazioni di livello sia in regular season, sia ai playoffs. Hanno vinto per tre anni consecutivi la Conference a Ovest.

Giovanni Oriolo
oriolo78@gmail.com

Sono un ragazzo di 18 anni, vivo a Roma, ma sono nato a Biella. Infatti tifo Eurotrend Biella e Chicago Bulls

No Comments

Post A Comment