fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsDetroit Pistons Andre Drummond: “Mi piacerebbe giocare a Detroit per tutta la carriera”

Andre Drummond: “Mi piacerebbe giocare a Detroit per tutta la carriera”

di Valentino Aggio

Andre Drummond, dopo essersi definito il miglior rimbalzista di sempre, ha dichiarato a Rob Beard di Detroit News che gli piacerebbe giocare a Detroit per tutta la carriera. Il numero 0 probabilmente rifiuterà l’opzione giocatore da 28.8 milioni di dollari, in cerca di un contratto al massimo contrattuale, sperando che arrivi dai Pistons.

Alla fine, non ho il controllo sul front office, non so cosa vogliano fare con il mio contratto. L’unica cosa che posso fare è giocare bene e mettere la mia squadra in posizione di vincere partite. Qualsiasi cosa succeda dopo ciò, la scopriremo solo vivendo. Ovviamente mi piacerebbe giocare a Detroit per il resto della mia carriera, ma nel caso non possa rimanere nel Michigan, mi adatterò ad una nuova situazione

Drummond sta viaggiando ad una media di 18.6 rimbalzi a partita, comandando la Lega in questa categoria. Il centro pensa che il suo gioco odierno sia il prodotto di sette anni di duro lavoro, che gli permette di essere maturo e di essere leader della squadra.

Ormai è da un po’ che gioco nella NBA, so che cosa serve per vincere e per guidare una squadra alla vittoria. Sto crescendo e maturando come persona e come giocatore. Tutti continuano a dirmi che quest’anno sarò un free agent, ma non ci voglio pensare. Questa maturità mi permette di comportarmi bene sia in campo e sia fuori dal campo. Si vede il buon lavoro che sto facendo, e posso vedere i risultati. Ora sono nel periodo della mia carriera nel quale posso guidare una squadra, e so farlo nella maniera giusta

Con queste parole, Drummond sembra aver giurato fedeltà ai Detroit Pistons, squadra che gli ha dato fiducia sin dal 2012, quando venne scelto con la chiamata numero 9. Un curioso dato, Drummond non sarebbe l’unico giocatore a rimanere leale alla propria franchigia. Sia Damian Lillard che Bradley Beal, scelti nel 2012, sono ancora nella stessa squadra nella quale hanno debuttato.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi