fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsLos Angeles Lakers Lo Young Core dei Lakers non si sacrifica, nessun giovane per Ariza

Lo Young Core dei Lakers non si sacrifica, nessun giovane per Ariza

di Francesco Schinea

Lo Young Core dei Los Angeles Lakers è destinato a rimanere intatto, almeno per il momento. La trade a tre per portare Trevor Ariza alla corte di LeBron James sembrerebbe poter andare in porto, ma senza sacrificare Lonzo Ball, Ingram, Kuzma o Hart. Come riportato da Brad Turner del Los Angeles Times infatti, i Lakers non hanno proposto ai Suns nessuno di loro.

Ariza è un giocatore molto abile dal punto di vista difensivo e del tiro da tre; ma è comunque legato ad un solo anno di contratto e sacrificare giocatori così importanti in prospettiva futura, non è assolutamente stato preso in considerazione dalla dirigenza dei losangelini.

Lonzo Ball ha dimostrato di avere ancora grossi problemi al tiro, ma si sta consolidando come un giocatore top nella metà campo difensiva e grande passatore. Hart è il giocatore più completo dei quattro, e forse il più sottovalutato ma molto efficace. Kyle Kuzma sta dimostrando di essere uno scorer dal potenziale davvero enorme. Brandon Ingram invece, era il giocatore da cui si aspettava il maggior salto di qualità, che ancora oggi non è arrivato.

Rappresentano tutti quindi pedine importanti del nuovo progetto gialloviola, ma anche se non saranno scambiati per Ariza, questo non esclude la possibilità che possano essere inseriti in qualche trade per ottenere un all star (Anthony Davis?).

Bisognerà aspettare sabato, giorno in cui i giocatori firmati durante la scorsa free agency potranno essere scambiati, per avere un’idea più chiara delle loro intenzioni.

Caldwell-Pope la vittima sacrificale

La delusione più grande di questa prima parte di stagione è stato senza dubbio Caldwell-Pope. L’interessamento dei Rockets nei suoi confronti lascia presagire che sarà proprio lui ha cambiare area per far tornare a casa il veterano di Phoenix. Una cessione dolorosa ma necessaria per evitare di privarsi dei quattro giovani.

“Sono solo concentrato a giocare qui ora”, ha detto Caldwell-Pope sulla possibilità di cambiare squadra, ma ormai i dubbi sono pochi.

 

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi