Ultime notizie
Kawhi Leonard vuole il premio di MVP: dominante | Nba Passion
123403
post-template-default,single,single-post,postid-123403,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive,elementor-default

Kawhi Leonard vuole il premio di MVP: dominante

Toronto Raptors.

Kawhi Leonard vuole il premio di MVP: dominante

E lui: Kawhi Leonard, è tornato a divertirsi, si diverte ed è motivato. E’ un giocatore diverso rispetto allo scorso anno, in cui non è praticamente mai sceso in campo, anno in cui non sembrava inserito nel contesto di San Antonio. A Toronto, è cambiata la musica, a partire dalla sua risata nella conferenza di presentazione, e forse si, tutti hanno sottovalutato troppo la franchigia dei Raptors considerando solo i Celtics ed i Sixers ad Est come papabili finaliste.

Beh, Toronto è la franchigia per ora più in forma, quella che ha impressionato di più e se vogliamo anche con ampi margini di miglioramento. Danny Green e Kawhi Leonard hanno trovato terreno facile per adattarsi in una squadra già oliata, con giovani che stanno crescendo a vista d’occhio e veterani vogliosi di mettersi in mostra come Ibaka, ma anche giocatori sempre considerati

 

Visualizza questo post su Instagram

 

First half vi👁ws (2/3)

Un post condiviso da Toronto Raptors (@raptors) in data:

Kawhi Leonard i suoi numeri contro i TWolves

35 punti, alcune rubate senza alcun senso (una addirittura di spalle a saltare sulla palla). Difensivamente domina, offensivamente ha ripreso a fare quello che vuole da quando è arrivato a Toronto.

Gioca in post, gioca tirando da tre, lontano dalla palla, ha un avversario di livello come Jimmy Butler ma lo domina difensivamente ed offensivamente. A me sembra voglia proprio questo palcoscenico da primo violino. Capito LBJ?

Naturale nel recuperare palla, gli viene proprio facile, in maniera disarmante, e Jimmy Butler lo ha sottolineato nella sua intervista post gara. “Se è tornato quello dei tempi migliori a San Antonio? Si assolutamente, lo vedete anche voi il modo in cui gioca, è trascinante per i compagni di squadra, una ispirazione per gli altri. Poco da dire, è tornato”.

Il prossimo anno deciderà di volare verso la California o resterà al freddo del Canada e di Toronto, il clima ideale per un giocatore del genere?

Marco Tarantino
marco511@hotmail.it

Amante del giornalismo e della palla a spicchi: seguo ogni sport, dal calcio al basket americano passando per ciclismo, football americano ma anche NCAA e college basketball. Guardo ai migliori prospetti europei e mondiali del basket ma anche calcistici, per scoprire i talenti del domani.Direttore e creatore di NBA Passion.com

No Comments

Post A Comment