fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsMilwaukee Bucks I Bucks cadono dopo 2 supplementari, Giannis: “Mai pensato sarebbe stato facile”

I Bucks cadono dopo 2 supplementari, Giannis: “Mai pensato sarebbe stato facile”

di Lorenzo Brancati

Dopo una lunga battaglia, continuata per due tempi supplementari, i Milwaukee Bucks si sono arresi ai Toronto Raptors. I canadesi padroni di casa hanno ottenuto la vittoria per 112-118, nella prima uscita sul parquet amico. La serie ora è riaperta sul 2-1 per Milwaukee, e gara 4 sarà un passaggio fondamentale per l’esito di queste Finali della Eastern Conference.

I padroni di casa sono stati in vantaggio per larga parte dell’incontro. Dopo essere andati sotto a 2 minuti dall’inizio delle ostilità, i Bucks avevano ritrovato il pareggio sull’88-88 a 4 minuti dalla fine dell’ultimo quarto, con un tiro da dentro di George Hill. Un canestro da due di Khris Middleton a 2 secondi dal termine ha poi mandato le squadre al primo overtime, sul 96-96.

Nei primi 5 minuti supplementari, i Raptors hanno tenuto ancora il pallino del gioco. Ma due tiri liberi di Hill a 14 secondi dal termine hanno spedito l’incontro, sul 103-103, al secondo overtime. In questo periodo finale i Bucks non sono riusciti più a rimanere a contatto di Kawhi Leonard e compagni, che hanno chiuso le ostilità con un vantaggio confortevole.

Nessun titolare di Milwaukee ha raggiunto quota 20 punti, mentre ci sono riusciti George Hill (24, tirando 7/9 dal campo e 7/8 dai liberi) e Malcom Brogdon (20), in uscita dalla panchina. Lo stesso Giannis Antetokounmpo non ha brillato sotto canestro, realizzando 12 punti e segnando 5 tiri su 16 tentati. Si fa in parte perdonare vincendo la bellezza di 23 rimbalzi. Non è stato comunque abbastanza per evitare la sconfitta sul lungo periodo.

“Non mi aspettavo sarebbe stato facile”

In seguito alla sconfitta e alla prestazione opaca, come riportato da Malika Andrews, per ESPN, il numero 34 dei Bucks si è concentrato, nello spogliatoio, sull’analisi dei suoi errori. Non si è presentato in conferenza stampa, ma ha preferito rispondere alle domande dei giornalisti direttamente dallo spogliatoio, che è stato l’ultimo ad abbandonare. Il greco è anche uscito anticipatamente dalla partita per somma di falli.

Giannis ha parlato così delle sue emozioni e di quelle dei compagni:

“Non ci piace perdere. E’ la cultura che abbiamo costruito come squadra. Ora siamo ancora a due partite dalle Finals, ma non possiamo saltare i passaggi. Dobbiamo farlo partita per partita, giorno per giorno. (…) Oggi saremmo potuti essere in vantaggio per 3-0, ma non abbiamo giocato abbastanza bene. Non mi aspettavo sarebbe stata un serie facile, comunque.”

Il giocatore ha poi risposto con decisione, lasciando lo spogliatoio, a chi gli ha chiesto se fosse deluso da se stesso per questa prestazione:

“Neanche per sogno! Sono Giannis. Ciò che ho fatto in vita mia fino ad ora lo sapete: spedito soldi a casa, messo i miei fratelli in scuole private, aiutato la mia famiglia in Grecia e in Nigeria. Deluso per una partita? Sarei davvero deluso da me stesso se lo fossi.”

Ha concluso promettendo miglioramenti in gara 4 e lodando il lavoro dei compagni in uscita dalla panchina, che hanno dato tanto in una notte in cui in titolari non erano al massimo.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi