Home NBA, National Basketball AssociationNBA TeamsBrooklyn Nets Disastro Nets contro i Celtics, Bridges: “Parecchie cose non funzionano qui”

Disastro Nets contro i Celtics, Bridges: “Parecchie cose non funzionano qui”

di Lorenzo Razzetti

Una partita disastrosa da parte dei Brooklyn Nets, surclassati dai Boston Celtics per 136-86. In quello che è sembrato più un massacro che una vera sfida alla pari, ancora una volta la franchigia di Brooklyn ha mostrato di non avere una propria identità. Come confermato anche dal leader dei Nets, Mikal Bridges, una sconfitta del genere non può essere presa alla leggera ed è deve fare da insegnamento per il futuro

“Sì, voglio dire, bisogna riflettere e imparare a risolvere il problema. Non si può semplicemente lasciar perdere questa cosa e pensare, ‘Oh, lasciamo stare’. No”, ha detto Mikal Bridges. “Sì, forse se avessimo perso nel finale, ma non dopo essere stati battuti di 50 punti. Non si può solo, ‘Lasciar perdere’. Molte cose non funzionano e bisogna sistemarle.” 

In particolare Mikal ha sottolineato l’inefficienza dell’attacco, dovuta ad una scarsa preparazione dei piani partita. 

“Dobbiamo sapere cosa stiamo facendo, dobbiamo arrivare come squadra, come allenatori ed avere un piano di gioco. Non può essere lo stesso per tutti. Non può essere sempre lo stesso: ognuno è diverso, ha detto Bridges. “Con Ben in campo, è diverso. Può portare palla in transizione e giocare in handoff. Se abbiamo quattro guardie fuori con Claxton in area, è un gioco diverso. Quindi dobbiamo solo sapere come giocare in quel caso e adattarci a quello.”

La stagione mediocre dei Nets

In NBA, si sa, la mediocrità viene condannata più dell’ultimo posto in classifica. Purtroppo per Brooklyn la sua stagione, fino a questo momento, ne è un’esatta rappresentazione. Troppo forti per occupare il fondo della classifica, troppo scarsi, o comunque disorganizzati, per poter ambire ai playoffs.

Storicamente dopo l’All-Star break le squadre si dividono tra quelle decise a lottare per qualcosa, e quelle che alzano definitivamente bandiera bianca. Al momento occupano l’11° posto ad Est, fuori anche dai play-in e con 2.5 partite di distanza da Atlanta. Staremo a vedere se a questo punto, privi di una vera superstar, i Nets opteranno per puntare sulla miglior scelta al draft possibile

You may also like

Lascia un commento