Eric Gordon non prenderà parte alla FIBA World Cup | Nba Passion
144439
post-template-default,single,single-post,postid-144439,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Eric Gordon non prenderà parte alla FIBA World Cup

Eric Gordon non prenderà parte alla FIBA World Cup

Eric Gordon, guardia degli Houston Rockets, ha annunciato che non parteciperà ai mondiali FIBA, come riporta Shams Charania di The Athletic. Il giocatore non prenderà parte al training camp del Team USA, unendosi ai due che vi avevano già rinunciato in precedenza: James Harden e Anthony Davis. Nonostante le rinunce importanti, la nazionale a stelle e strisce può ancora contare su giocatori del calibro di Kyle LowryKemba WalkerDonovan MitchellDamian Lillard e Bradley Beal.

Gordon ha chiuso la passata regular-season con 16.2 punti di media a partita, col 40.9% dal campo e il 36.0% da tre punti. La sua decisione di rinunciare alla chiamata è dovuta probabilmente alla volontà di prepararsi al meglio per la stagione NBA. La prossima, infatti, si prospetta come una delle annate più combattute ed imprevedibili degli ultimi tempi.

Eric Gordon e i Rockets puntano al titolo

I Rockets di Gordon sono una delle squadre favorite per gli otto posti playoffs disponibili in una Western Conference più equilibrata che mai. I ragazzi di Coach Mike D’Antoni si presentano anche come possibili contender per il titolo.

Houston, dopo i malumori che hanno seguito l’eliminazione dall’ultima post-season, e le ipotetiche tensioni tra James Harden e Chris Paul, sembra aver ritrovato la serenità. Grazie soprattutto alla partenza in direzione Oklahoma City dello stesso Paul, in cambio di Russell Westbrook.

Pertanto, insieme allo stesso Westbrook, ad Harden, Tucker e Capela, Gordon sarà parte di un quintetto piuttosto temibile. Il tutto è consolidato da una panchina cesellata dalle preziose conferme di Danuel House e Austin Rivers e dall’arrivo di Tyson Chandler.

Sarà ora interessante verificare se anche altri componenti del Team Usa decideranno di seguire la stessa strada di Gordon, o se sceglieranno di difendere i colori della bandiera a stelle e strisce.

Francesco Catalano
fr.cata7@gmail.com
No Comments

Post A Comment