Howard presto lontano dai Grizzlies: "In forma, a disposizione di chiunque"
143622
post-template-default,single,single-post,postid-143622,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,qode-news-2.0.1,ajax_updown,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Howard presto lontano dai Grizzlies: “In forma, a disposizione di chiunque”

dwight howard lakers

Howard presto lontano dai Grizzlies: “In forma, a disposizione di chiunque”

I Memphis Grizzlies hanno da poco acquisito Dwight Howard dai Washington Wizards tramite scambio. Il centro, inoltre, aveva da pochi giorni esercitato l’opzione giocatore sul suo contratto, valevole 5.6 milioni di dollari per la prossima stagione. Per la franchigia del Mississippi, nel bel mezzo di una ricostruzione totale, si è trattato di una mossa volta puramente ad alleggerire il proprio monte ingaggi. Spedendo CJ Miles nella capitale, infatti, risparmieranno 3.1 milioni di dollari, come aveva riportato Adrian Wojnarowski.

Ad oggi, il futuro di Howard sembra così destinato ad essere lontano dai Grizzlies, che sarebbero pronti a separarsene. Nelle ultime quattro stagioni, ha giocato per ben quattro squadre diverse: Houston Rockets, Atlanta Hawks, Charlotte Hornets e Washington Wizards. Nella capitale, per un problema alla schiena, ha disputato solo 9 partite, facendo registrare una media da 12.8 punti e 9.2 rimbalzi a notte.

Ora il veterano è pronto a rimettersi in gioco, anche dal punto di vista fisico. Ha infatti raccontato a Shams Charania, per TheAthletic, di come la sua condizione sia migliorata nell’ultimo periodo:

“Sono del tutto pronto, sto correndo, sto giocando. Nelle ultime settimane ho perso 11 chili, la mia condizione è in netto miglioramento. Ho cambiato dieta e l’intero team che mi aiuta e mi circonda. Per tutto ciò che mi è successo in passato non do la colpa a nessuno, sono state tutte lezioni che ho dovuto imparare per crescere.”

Il nativo di Atlanta ha poi parlato di cosa si aspetta dall’immediato futuro:

“Terrò la testa bassa e continuerò a lavorare. (…) Sono pronto ad essere qualsiasi cosa di cui un’eventuale squadra avrà bisogno .”

L’impressione è che Howard, con un ruolo e dei minuti ridotti, potrebbe ancora riscuotere interesse da parte di squadre alla ricerca di lunghi per completare la propria rotazione.

Lorenzo Brancati
lolbra99@gmail.com

Malato di sport a 360 gradi. Seguo e faccio finta di capire di diversi sport, dal basket al calcio, fino ai motori, passando per il football americano e il baseball. Mi piace leggere e provare a scrivere farneticazioni a riguardo. Aspettando Godot, mi diverto a giocare con le parole e la palla a spicchi.

No Comments

Post A Comment