fbpx
Home NBA, National Basketball AssociationNBA News Marcus Morris difende Fizdale: “Non è solo colpa sua, dobbiamo fare tutti di più”

Marcus Morris difende Fizdale: “Non è solo colpa sua, dobbiamo fare tutti di più”

di Giovanni Oriolo

Dopo la sconfitta di ieri notte contro i Cavaliers, il team president dei New York Knicks, Steve Mills, ha voluto a far presente a coach Fizdale che il font office della franchigia newyorchese non è contento dei risultati ottenuti dalla squadra fin qui. In difesa del capo allenatore è intervenuto l’ala grande Marcus Morris, dicendo che la colpa è di tutta la squadra e non solo del coach.

Marcus Morris difende Fizdale: “Dobbiamo fare tutti meglio di quanto fatto fino ad ora”

L’ex Celtics, sui social,  ha risposto a Mills dichiarando che lui crede che la squadra abbia le carte in regola per fare meglio e vincere di più. Quindi la colpa non dovrebbe essere attribuita solo a Fizdale, ma tutti “devono fare meglio” di quanto fatto vedere fino ad ora.

I Knicks, attualmente, hanno uno record di 2-8. In estate non sono arrivati i grandi nomi attesi come Durant, Irving o Williamson. Però, per il mercato fatto, la dirigenza pretende di assistere a una stagione migliore della precedente. Dopotutto sono arrivati buoni giocatori come Morris, Barrett, Portis e Randle, che sommati ai già presenti Trier, Robinson, Smith jr e Knox, creano un roster decisamente superiore a quello dell’anno scorso. L’obiettivo è quindi quello di migliorare il record di 17-65 della scorsa annata (il peggiore della lega).

La squadra, però, è molto giovane e acerba, quindi con poche possibilità di agguantare o anche solo lottare per l’ultimo posto disponibile per i playoffs. Il front office sa di avere giovani molto interessanti (Knox, Robinson e Barrett su tutti) e vuole vedere miglioramenti da parte loro.

I fan non sono d’accordo con Morris e attaccano anche Fizdale

Molti fan di Knicks, in questi ultimi giorni, hanno suggerito (con molta veemenza) che la soluzione migliore per la squadra sia licenziare Fizdale. Ma come ha detto Morris, l’allenatore sta facendo un buon lavoro nella gestione della squadra e dei rispettivi talenti. Anche Mills, nonostante il richiamo di ieri, si ritiene ancora fiducioso nello staff tecnico, ma vuole giustamente vedere anche dei risultati.

Il front office sente sicuramente la pressione dei fan dopo anni di insoddisfazione e brutte figure. I tifosi, infatti, dopo anni di scelte sbagliate, stagioni passate con il record negativo e grandi promesse rimaste tali (o meglio illusioni), vogliono solo vedere la loro squadra tornare almeno a competere per la post-season.

Potrebbe interessarti anche

Lascia un commento

Questo sito web usa i cookies per migliorare la tua esperienza: speriamo sia ok per te, se non lo fosse puoi farne a meno. Accetta Leggi